Maddie McCann, chi è il pedofilo tedesco sospettato: nel 2005 stuprò anziana e si vantò con un video

Venerdì 5 Giugno 2020 di Cristina Marconi

Dopo tredici anni di indagini a vuoto, c'è una «svolta significativa» nel mistero di Madeleine McCann, la bambina inglese di quasi quattro anni svanita nel nulla mentre, una sera di maggio del 2007, dormiva insieme ai fratellini nella sua stanza in un residence in Algarve, nel sud del Portogallo. Una svolta che viene dalla Germania, dove gli inquirenti sembrano molto convinti di avere per le mani la persona giusta: Christian Brueckner, quarantatreenne con condanne varie per furto, spaccio di droga, stupro e soprattutto pedofilia. Un profilo con precedenti tali da lasciare poche speranze sul fatto che Maddie, che oggi avrebbe 17 anni, possa essere ancora in vita.

Maddie, sospetti sul pedofilo tedesco. Svolta dopo 13 anni, per i pm è morta. Sospettato arrestato a Milano nel 2018

IL PROCURATORE
«Riteniamo che Madeleine McCann sia morta e chiediamo ai testimoni di farsi avanti», ha spiegato il procuratore Hans Christian Wolters. L'uomo si trova ora in carcere per scontare una condanna di 7 anni per aver stuprato e seviziato un'americana di 72 anni in Algarve nel 2005, crimine risolto solo grazie al fatto che la sera del 3 maggio del 2017, in un pub, Brueckner non ha potuto fare a meno di vantarsi mostrando il video di due stupri, tra cui quello dell'anziana, a un amico. E poiché proprio quella sera la televisione trasmetteva le immagini di Maddie per i dieci anni dalla scomparsa, il quarantatrenne tedesco ha aggiunto di «sapere tutto» sul caso, che avrebbe anche commentato in una chatroom. L'amico ha raccontato la vicenda alla polizia tedesca, che con l'aiuto dei carabinieri di Milano, dove Brueckner si era nascosto vivendo per strada ma dove aveva visitato il consolato per farsi rinnovare il passaporto, sono riusciti ad arrestarlo per una condanna per spaccio di droga.
Nel dicembre scorso è stato condannato per lo stupro del 2005, ma sono almeno tre anni che gli inquirenti cercano, senza trovarle, prove schiaccianti sul caso Maddie, anche perché l'uomo ha precedenti pesanti per «contatto sessuale con bambine» fin da quando lui stesso aveva solo diciassette anni. La polizia federale criminale tedesca ha detto di non poter escludere che ci siano state altre vittime. Dal 1995 al 2007 Brueckner ha vissuto in Algarve, mantenendosi soprattutto spacciando cannabis e svaligiando appartamenti e camere d'albergo.
La sera della scomparsa di Maddie i tabulati telefonici lo situano nella zona dove erano in vacanza i McCann ha ricevuto una telefonata di mezz'ora da quello che si ritiene più un testimone che un complice - e il giorno dopo Brueckner si è affrettato a cambiare l'intestazione della sua Jaguar registrata in Germania. Gli inquirenti sembrano orientati a pensare che la sua prima intenzione fosse il furto, e che l'idea di rapire Maddie gli sia venuta lì per lì. Anche se in tredici anni di testimonianze, documenti, false piste e soprattutto scambi di accuse tra gli inquirenti portoghesi e quelli britannici, le segnalazioni di un uomo biondo ci sono state, Brueckner non era finito nelle maglie degli inquirenti locali, contro la cui presunta incompetenza i tabloids inglesi sono tornati a scagliarsi.
I portoghesi avevano inizialmente seguito con convinzione la pista che fossero stati i genitori a coprire la morte accidentale di Maddie nascondendone il corpo. Ora sono stati offerti 10mila euro a eventuali testimoni degli spostamenti dei due veicoli legati all'uomo: la vecchia Jaguar e un camper Volkswagen bianco e giallo su cui ormai Brueckner abitava. In nessuno dei due è stata rinvenuta traccia di Maddie, ma visto che si tratta di due mezzi piuttosto vistosi, qualcuno potrebbe averlo notato. Downing Street ha negato che per ora ci sia una richiesta di estradizione per una vicenda che ha scosso il Regno Unito quasi quanto la morte di Lady Diana. Mentre i genitori, Kate e Gerry, hanno ribadito di non perdere la speranza di trovare Maddie viva, ma di essere «realisti» e voler conoscere l'esito dell'indagine su Brueckner, qualunque sia, «per trovare pace».

Ultimo aggiornamento: 13:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA