Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il Covid? «Bastano erbe e vapore, niente mascherine». Il presidente della Tanzania Magufuli muore contagiato

Giovedì 18 Marzo 2021
«Terapia del vapore, erbe e niente mascherine». Il presidente della Tanzania Magufuli muore contagiato

Il Covid? Bastano delle erbe per curarsi, niente mascherine, i vaccini sono pericolosi. E alla fine il presidente della Tanzania, John Magufuli, è morto per complicazioni cardiache in un ospedale di Dar es Salaam. Lo ha annunciato in tv il vice presidente Samia Suluhu Hassan. Magufuli aveva 61 anni e non si vedeva in pubblico da un paio di settimane e si rincorrevano voci sulle sue condizioni di salute, tra cui quella che fosse stato contagiato proprio dal Covid.

La Tanzania è quella nazione che da quasi un anno non pubblica dati ufficiali sulla pandemia: un virus e una malattia minimizzati e negati dal presidente, che ne aveva dichiarato la sconfitta in Tanzania fino alla morte del vice presidente dell'arcipelago semi-autonomo di Zanzibar, deceduto il mese scorso a causa del coronavirus. Cattolico fervente, Magufuli si è sempre appellato alle preghiere piuttosto che all'uso delle mascherine o alle misure restrittive consigliate dalle massime autorità sanitarie ma da lui mai applicate, fino a etichettare i vaccini come pericolosi e a consigliare la terapia al vapore e rimedi tratti dall'erboristica, senza però addurre prove scientifiche che validassero le sue affermazioni.

Dopo un atteggiamento così controverso, la sua scomparsa dalla scena pubblica avviene mentre la Tanzania registra una serie di decessi di personaggi di alto calibro per problemi respiratori o polmonite. In vece del presidente di cui non si ha più traccia ha parlato il primo ministro Kassim Majaliwa, che la scorsa settimana ha detto di averlo sentito per telefono portando i suoi saluti ai tanzaniani e confermando che «sta bene e lavora sodo come al solito».

Ma ieri la vicepresidente Samia Suluhu Hassan, pur non nominando Magufuli, ha detto che «è abbastanza normale per una persona contrarre un'influenza, febbre o qualsiasi altra malattia», aggiungendo che «per noi ora è tempo di rimanere uniti».

L'opposizione alza la voce e chiede spiegazioni, soprattutto per bocca del suo esponente principale, Tundu Lissu, che incalza per sapere la verità sul presidente. Il giornale keniota Daily Nation ha parlato del ricovero ospedaliero a Nairobi di «un leader africano» proveniente da un Paese confinante, riferimento non troppo velato a Magufuli, ma la notizia è stata smentita dai funzionari tanzaniani. Nel continente asiatico, il ministero degli Esteri indiano non ha rilasciato dichiarazioni sulle voci secondo le quali il presidente tanzaniano è ricoverato in India, dove verserebbe in condizioni critiche. 

 

Ultimo aggiornamento: 11:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA