Dall'Italia a New York per fare lo chef, Mario Ferrari cade da una scala antincendio e muore a 31 anni

Mario Ferrari, dopo gli studi è andato a Londra e poi a New York dove lavorava in un celebre ristorante di Manhattan

Promessa della cucina muore a New York: lo chef Ferrari cade da una scala antincendio
Promessa della cucina muore a New York: lo chef Ferrari cade da una scala antincendio
di Redazione web
Sabato 19 Novembre 2022, 08:52 - Ultimo agg. 15:23
2 Minuti di Lettura

Stava realizzando il suo sogno. Fare il mestiere che amava, lo chef, nella città dove si realizzano i sogni, New York. Mario Ferrari, giovane promessa dela cucina italiana nel mondo, è morto a 31 anni cadendo da una scala antincendio. Lo chef, era partito dal suo paese natale, Orsogna, in provincia di Chieti, con la voglia di farcela, come racconta Il Centro.

Franco Leo, tetraplegico morto dopo aver realizzato il sogno della maratona di New York. Il fratello: «Vuoto enorme»

Caduta fatale

Il 31enne aveva lasciato l'Abruzzo con tutta la determinazione di diventare un nome della cucina; dopo le scuole superiori all’istituto Fermi, prima tappa a Torino, poi Londra, infine gli Stati Uniti dove c'erano dei parenti emigrati, Tony e Mary Ann Ferrari. Il giovane è morto cadendo accidentalmente a fine turno di lavoro, da una scala anticendio, quelle esterne agli edifici che si vedono in molti film.

Ragazzo disabile di 16 anni trovato morto nel suo letto: con lui c'era la badante, giallo sulle cause

Sogni infranti

Sul suo profilo Facebook Mario ha postato i suoi piatti gourmet, creazioni personali di cui andava fiero, mentre sul suo profilo Linkedin si legge che fosse impiegato come executive chef al celebre ristorante Harry's Table by Cipriani, ma non sappiamo se fosse ancora quella la sua attività.

Forse sognava di lavorare nei ristoranti di Gordon Ramsay, visto che su Facebook era tra i suoi interessi. Umile e ambizioso come recitava sui social: «Still learning. Kitchen: focus and work hard - sto ancora imparando, obiettivo cucina e duro lavoro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA