Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Andonov, il "Boia" della Wagner (a servizio di Putin) ucciso da un cecchino dopo aver massacrato dei civili

Lunedì 6 Giugno 2022
Vladimir Andonov, il "Boia" della Wagner (a servizio di Putin) ucciso da un cecchino dopo aver massacrato dei civili

Era soprannominato "Il boia". Era uno dei più spietati tra i membri della Wagner, il gruppo di mercenari russi al servizio di Putin nella guerra in Ucraina. Famigerato killer che sarebbe stato coinvolto nell'uccisione di prigionieri di guerra ucraini durante i combattimenti nel Donbass nel 2014. Vladimir Andonov, 44 anni, è stato ucciso durante le operazioni in Ucraina. Colpito a morte da un cecchino ucraino.

Ucraina, il racconto di un medico inglese volontario: «A Bucha ho visto i cadaveri appesi agli alberi»

Il "boia" della Wagner ucciso da un cecchino

Originario della regione della Buriazia nell'estremo oriente della Russia, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco nella regione di Kharkiv. Era noto come "The Executioner", il "Boia" della Wagner Group. Della sua morte ha informato per la prima volta il quotidiano russo Moskovsky Komsomolets: «È morto la scorsa notte durante la ricognizione della zona insieme al suo amico».

 

Chi era

Andonov combattè anche nel Donbass nel 2014, prestando servizio nelle forze speciali e ricevendo una medaglia per "meriti in battaglia". Si ritiene che "Il boia" Andonov abbia preso parte personalmente alla fucilazione di prigionieri di guerra ucraini a Logvinovo e al massacro di civili nel Donbass.  Dopo l'invasione russa del 24 febbraio scorso è ritornate sul fronte in Ucraina. 

Era nato in un villaggio russo vicino al confine con la Mongolia nel 1978, arruolandosi nell'esercito russo nel 1997. Secondo un altro canale militare su Telegram, sarebbe stato ucciso insieme al collega combattente Bair Mitupov, anche lui originario della Buriazia.

Ultimo aggiornamento: 7 Giugno, 14:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA