Meteorite sorvola le Canarie e finisce nell'oceano: un boato assordante, poi l'onda d'urto

Tanta paura tra i residenti sulle isole della Canarie che hanno visto fumo ed un bagliore accecante seguito da un forte boato, simile ad un'esplosione o ad un'onda sismica

Meteorite sorvola le Canarie e finisce nell'oceano: un boato assordante ed il panico tra gli abitante dell'arcipelago
Meteorite sorvola le Canarie e finisce nell'oceano: un boato assordante ed il panico tra gli abitante dell'arcipelago
Giovedì 1 Dicembre 2022, 17:01 - Ultimo agg. 20:42
3 Minuti di Lettura

Hanno visto un qualcosa di simile ad una stella cadente, tanta luce rossa e verde, fumo e poi un forte boato a Gran Canaria, isola della Spagna. In centinaia di testimoni hanno riferito di una forte esplosione e tremori intorno alle 15.39 ore locali, ma nessuno sembra aver visto il meteorite passare sopra alle isole dell'arcipelago delle Canarie, La Palma, El Hierro, La Gomera, il sud di Tenerife per poi finire nell'oceano. Panico tra molte persone che hanno sentito un rumore assordante, simile all'onda d'urto di un terremoto, ma di cui non riuscivano a capire l'origine. 

Il forte rumore causato dal passaggio del meteorite è stato catturato dalla stazione sismica del National Geographic Institute, ma l'istituto ha escluso che si trattasse di un terremoto, poiché gli strumenti non hanno rilevato il segnale tipico del movimento sismico. L’ipotesi del meteorite è stata condivisa dal servizio di emergenza, che su Twitter ha precisato che le ipotesi degli scienziati hanno associato «il rumore a una potente onda acustica che ha attraversato il cielo» dell’isola. 

La direttrice dell’Istituto Geografico Nazionale (IGN) delle Isole Canarie, María José Blanco, spiega di aver registrato questa anomalia alle 15:35 ora locale delle Canarie «in tutte le stazioni sismiche di Gran Canaria», ma che le misurazioni non corrispondono ad «attività terrestri», come un terremoto o un movimento di magma e che «si muove alla velocità del suono e attraversa l’aria».

L’Instituto Vulcanológico de Canarias ha attribuito il suono analizzato dai sismogrammi, compatibile con un’onda N, prodotta dall’impatto sulla superficie terrestre di un’onda d’urto provocata da un oggetto, naturale o artificiale a velocità supersonica. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA