Migranti, stretta in Francia
«Via chi non ottiene asilo»

di Francesca Pierantozzi

3
  • 177
PARIGI. «Umanità e fermezza» è il binomio che da sempre riassume la posizione di Emmanuel Macron sull'immigrazione. Lo martellava il candidato, lo ripete il presidente. Con un sensibile spostamento dei pesi sulla bilancia. «Non rivedremo i nostri valori in base ai rischi del mondo» tuonava Macron nel gennaio 2017 a Berlino. Allora Angela Merkel teneva ancora aperte le porte al «milione di migranti» cui si era rivolta un anno e mezzo prima, ed era ancora l'eroina di un'Europa che altrove alzava muri.

Ma alla fine Macron ha dovuto piegarsi a quei «rischi del mondo» che voleva sfidare. «La questione migranti non appartiene al passato. Dobbiamo guardarci dai falsi buoni sentimenti». Realpolitik, diranno alcuni, necessità di arginare l'estrema destra e i populismi, diranno altri. Il risultato parziale è arrivato ieri in Consiglio dei Ministri. È la legge «asilo, immigrazione e integrazione» presentata dal ministro dell'Interno Gerard Collomb, il compendio di quello che sarà la politica dell'immigrazione dell'era Macron, (un po') di umanità, più fermezza, e soprattutto molta efficacia. La legge ha cambiato titolo strada facendo. Avrebbe dovuto intitolarsi «per un'immigrazione controllata e un diritto d'asilo effettivo»: almeno nel titolo, il governo ha preferito mettere più umanità.

Si apre adesso l'iter del dibattito davanti al Parlamento, dove il progetto ha il beneficio di raccogliere le critiche più opposte e quindi molte possibilità di sopravvivere quasi tale e quale. Troppo «lassista» per la destra, addirittura «fascista» per la sinistra estrema, comunque liberticida per i socialisti, la legge è in puro spirito Macron, né di destra né di sinistra: da un lato vuole accelerare le procedure per la richiesta di asilo, dall'altra punta esplicitamente ad aumentare il numero di respingimenti alle frontiere.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 22 Febbraio 2018, 09:46 - Ultimo aggiornamento: 22-02-2018 09:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-02-22 16:25:08
Macron: aprire le frontiere ai migranti economici ai Profughi delle nostre guerre è uguale al suicidio della Francia, date più risorse alle cooperative itaGliane con una raccomandazione arrangiatevi Co...
2018-02-22 16:14:53
E quindi adesso Macron e' come Salvini? e' cattivo e brutto perche vuole porre un freno a questa immigrazione incontrollata???
2018-02-22 11:28:04
Ma ha senso attivare i commenti ..se l'articolo non è al momento leggibile ! In sostanza, le decisione concrete di Macron non si leggono...per cui cosa si commenta !

QUICKMAP