Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Magnate ucraino del grano ucciso a Mykolaiv da bombe russe. Kiev: «Attacco pianificato, colpita la camera da letto»

Domenica 31 Luglio 2022
Miliardario ucraino del grano ucciso a Mykolaiv da bombe russe. Kiev: «Attacco pianificato»

Uno dei bombardamenti più violenti della Russia sulla città di Mykolaiv ha ucciso, tra gli altri, il proprietario di una delle principali aziende agricole del Paese. La vittima si chiama Oleksiy Vadaturskyi, azionista di controllo e amministratore delegato del conglomerato Nibulon LLC. Sono stati uccisi sia lui che la moglie dopo che uno dei missili ha colpito la sua villa. La sua è una delle più grandi aziende ucraine: Nibulon gestisce il proprio porto di esportazione di cereali e semi oleosi a Mykolaiv, nonché strutture di stoccaggio del grano in tutta l'Ucraina con una capacità di 2,25 milioni di tonnellate. Vadaturskyi, 74 anni, ha ricevuto nel 2007 la più alta onorificenza del paese, il titolo di Eroe dell'Ucraina, per il suo contributo al suo sviluppo. E proprio per il suo ruolo nel commercio del grano ha scatenato le polemiche: secondo Kiev la sua morte sarebbe pianificata e non casuale. 

Il bombardamento di domenica prima dell'alba, durato ore, ha danneggiato un hotel, un impianto sportivo, due scuole, un'officina di riparazione auto e diversi blocchi abitativi, provocando incendi in città, ha affermato l'amministrazione regionale. «Mykolaiv ha subito un massiccio attacco di artiglieria, forse il più grande di sempre», ha detto il sindaco Oleksandr Senkevich sui social media.

Oligarchi russi, il miliardario Yuri Milner donerà 100 milioni di dollari per i rifugiati ucraini

Kiev: «Attacco pianificato, morte non è casuale»

Mykhailo Podolyak, alto consigliere presidenziale ucraino, ha affermato di ritenere che il signor Vadaturskyi sia stato deliberatamente assassinato a causa del suo ruolo di uno dei maggiori datori di lavoro dell'Ucraina meridionale. «Il colpo preciso di un missile non solo nell'edificio, ma in un'ala particolare, la camera da letto, non lascia dubbi sul fatto che si sia trattato di un attacco mirato», ha scritto sui social media. «I barbari russi stanno conducendo una campagna di terrore, tentando di intimidire, destabilizzare e distruggere la società ucraina».

Sebbene la Russia non abbia ufficialmente commentato la morte di Vadaturskyi, i commentatori politici dei media controllati dallo stato, tra cui Margarita Simonyan, il capo della rete televisiva del Cremlino RT, hanno esultato per la morte dell'uomo d'affari ucraino. «Questa è la de-nazificazione in azione», ha scritto, facendo eco alla falsa affermazione di Mosca secondo cui l'Ucraina è gestita dai nazisti.

Zelensky ha elogiato Vadaturskyi, che ha fondato la società l'anno in cui l'Ucraina ha ottenuto l'indipendenza nel 1991, per aver scelto di rimanere a Mykolaiv mentre la città è stata attaccata dalla Russia, a differenza di molti altri oligarchi, che cercavano sicurezza all'estero.

Ultimo aggiornamento: 1 Agosto, 09:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA