Morbillo, hostess muore dopo il contagio in aereo

Morbillo, hostess israeliana muore dopo contagio in aereo: allarme tra la comunità ultraortodossa per le teorie No Vax
ARTICOLI CORRELATI
0
  • 664
Una hostess israeliana è morta di morbillo dopo aver contratto la malattia su un volo fra New York e Tel Aviv. Si tratta del terzo decesso in Israele, dove il morbillo è tornato a imperversare a causa del diffondersi di teorie No Vax, soprattutto fra gli ultraortodossi.

VEDI ANCHE Morbillo, triplicati i casi in tutto il mondo: l'Oms lancia allarme anche per Europa e Usa
 




Rotem Amitai, 43 anni, madre di tre figli, è morta per una meningoencefalite, una complicazione del virus del morbillo, scrivono i media israeliani. Aveva fatto solo una dose del vaccino, invece delle due prescritte. Lo scorso novembre, per la prima volta dopo 15 anni, si era registrata una prima morte da morbillo in Israele. Si era trattato di un bambino di 18 mesi, seguito a dicembre da una 82enne. L'anno scorso, sull'onda del movimento No Vax, si è registrato un picco di 4292 casi di morbillo in Israele. Analogamente la malattia è tornata a crescere nella comunità ultraortodossa di New York, dove la autorità hanno preso provvedimenti in favore della vaccinazione.

 
Martedì 13 Agosto 2019, 17:29 - Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 15:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP