Decapitato un uomo calvo: uccisione rituale, si crede che il suo cranio contenga oro

Lunedì 24 Gennaio 2022 di Marta Ferraro
Mozambico, decapitato un uomo calvo nella convinzione che il suo cranio contenesse oro e... non è un caso isolato

In Mozambico, un uomo calvo è stato decapitato durante l'attacco di un gruppo di criminali che voleva vendere la sua testa a un cliente in Mali.

Tuttavia, prima di finalizzare la transazione, il cliente è scomparso e i criminali hanno dovuto sbarazzarsi del cranio, secondo quanto ha raccontato il giornalista Jose Tembe, della BBC. La polizia locale lo ha trovato successivamente nella città di Muandiwa e ha iniziato a indagare sul caso.

Quest'ultimo crimine corrisponde a una tendenza nota che è diventata comune in alcune zone del Mozambico. Sembra che tali «uccisioni rituali» di uomini glabri, derivino dalla superstizione che le loro teste contengano oro. Già nel 2017 ci sono state segnalazioni di omicidi simili. Due uomini calvi sono stati trovati decapitati nel comune di Milange. Al corpo di una delle vittime sono stati persino rimossi gli organi, afferma il quotidiano The Guardian, citando l'agenzia AFP.

Due uomini furono arrestati in quell'occasione. Secondo le loro dichiarazioni, gli organi degli uomini calvi furono rimossi per essere usati in seguito dai guaritori durante i rituali che avrebbero dovuto promuovere le fortune dei loro clienti in Tanzania e Malawi.

«Le loro motivazioni provengono dalla superstizione e dalla cultura: la comunità locale pensa che gli individui calvi siano ricchi», ha spiegato nel 2017 Inacio Dina, portavoce della Polizia nazionale.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA