Nazioni Unite, al via l’Assemblea Generale: Trump tra diplomazia e guai

di Luca Marfé

NAZIONI UNITE - Al via la settimana più importante dell’anno per la diplomazia mondiale. La 73esima Assemblea Generale dell’Onu comincerà formalmente soltanto martedì, ma i lavori qui a New York sono di fatto già iniziati.

E ad aprire le danze alle prime luci dell’alba è stato proprio il suo protagonista più atteso e di gran lunga più discusso: Donald Trump, infatti, ha partecipato a un evento sulla piaga globale della droga.

Accanto a lui, colei che è divenuta oramai il suo braccio destro, l’ambasciatrice Nikki Haley.

A fare da padrone di casa, invece, il segretario generale António Guterres.

Grande cordialità tra le mura del Consiglio di Amministrazione Fiduciaria e addirittura un ostentato ottimismo da parte di un tycoon che ci tiene a sottolineare quanto di buono possano fare «le Nazioni Unite quando sono davvero...unite».
 

Nessun passo indietro, però, rispetto al suo mantra «America First». E mentre gli altri grandi del mondo si chiedono cosa dirà dal podio della plenaria, un lungo elenco di grane interne continuano ad accompagnarlo e ad oscurarne il cammino.

Dal giudice da lui proposto per la Corte suprema, quel Brett Kavanaugh finito nel mirino dei media e della stessa giustizia per una brutta faccenda di molestie sessuali, al solito vortice fatto di indagini e sospetti che ruota attorno al Russiagate.

Giornate difficili in cui, come sempre del resto, proverà a spostare il baricentro delle attenzioni del pubblico sullo scacchiere internazionale che gli interessa meno ma che, proprio perché complicato e teso, paradossalmente gli viene in soccorso.

Il tutto in piena vigilia di elezioni di metà mandato (si vota il 6 novembre, ndr).

I temi al centro dell’agenda sono sicurezza, migrazioni ed economia.

Temi evidentemente molto cari anche all’Italia che, aspettando il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in arrivo qui a New York martedì, prende la parola attraverso il ministro degli Esteri Enzo Moavero.

«Questi fori internazionali sono spesso dati per scontati o vengono comunque sottovalutati. In realtà, sono essenziali: se ci si parla qui, non si litiga altrove».


 
Lunedì 24 Settembre 2018, 19:42 - Ultimo aggiornamento: 24-09-2018 19:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP