Covid, boom di casi in Nepal: «Può diventare la nuova India». Alpinisti evacuati dall'Everest

Giovedì 6 Maggio 2021
Covid, in Nepal impennata di casi ed emergenza negli ospedali: «Situazione come in India»

In Nepal il Covid è ovunque. Con più di 8600 casi al giorno e il 44% dei tamponi positivi (tra quelli effettuati lo scorso weekend) la situazione del Paese himalayano è simile a quella dell'India. Dove due settimane fa si registravano circa 20 casi giornalieri ogni 100.000 persone: lo stesso numero che oggi risulta in Nepal. L'emergenza ospedaliera e la carenza di materiale sanitario hanno portato il primo ministro del Paese a chiedere aiuto ad altre nazioni.«Quello che sta accadendo in India in questo momento – ha ammonito la presidente della Croce Rossa nepalese, Netra Prasad Timsina – è un'orribile anteprima del futuro del Nepal se non riusciamo a contenere l'ultima ondata di Covid». 

 

 

India, record di morti a New Delhi: lockdown prolungato. Nel Paese 400mila casi nelle ultime 24 ore

Evacuati alpinisti - Numerosi alpinisti presenti nei campi base di Everest e Dhaulagiri, sulla catena himalayana, in Nepal, sono stati evacuati a causa della diffusione del contagio da Covid-19. La situazione più grave è al campo base del Dhaulagiri, la settima montagna più alta della Terra, dove si trovano circa 150 persone tra scalatori e personale di supporto alle spedizioni. «Gli ultimi giorni sono stati pazzi e incerti. Un sacco di casi Covid, persone evacuate e alcuni in attesa di esserlo» scrive su twitter l'alpinista andorrana Stefi Troguet. Al campo base dell'Everest ci sono circa 1.600 persone. Numerosi i casi Covid registrati, tanto che sono state create delle zone dove isolare i positivi. Una ventina di contagiatì sono già stati trasferiti a Kathmandhu. I medici hanno invitato gli alpinisti a non spostarsi dalle tende delle rispettive spedizioni, a non andare a visitare altri scalatori, a tenere sempre la mascherina.

Ultimo aggiornamento: 20:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA