Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Niger, 7 bambini uccisi e 5 feriti “per errore" in un raid aereo della Naf contro "banditi armati"

Domenica 20 Febbraio 2022
Niger, 7 bambini uccisi e 5 feriti per errore" in un raid aereo della Naf contro "banditi armati"

Strage di bambini in Niger. Almeno sette sono rimasti uccisi "per errore" in un attacco aereo dell'esercito nigeriano contro "banditi armati" nella regione di Maradi, nel sud del Niger, vicino al confine con la Nigeria. Lo riferisce il governatore della regionedi Maradi: "C'è stato un errore nei raid nigeriani che si sono verificati proprio al confine e che hanno causato vittime sul nostro territorio nel villaggio di Nachadé: sono stati colpiti 12 bambini, 7 sono morti e 5 sono rimasti feriti". I jet della Nigerian Air Force hanno sganciato missili aria-terra sul villaggio in cui si riteneva si fossero nascoste forze ribelli: un clamoroso errore costato la vita ai bambini.

Sette bambini uccisi in Niger "per errore"

L'organizzazione Medici Senza Frontiere operativa in Niger è impegnata nell'assistenza per le cure dei feriti in un attacco aereo dell'esercito nigeriano contro «banditi armati» nella regione di Maradi, nel sud del Paese, in cui «per errore» sono morti anche sette bambini.

«Questo è un evento orribile, senza precedenti nella regione di Madarounfa», ha sottolineato Souley Harouna, rappresentante di Msf in Niger. «Le squadre  riferiscono che i bambini hanno sofferto fratture e ferite di vario genere. Abbiamo contribuito nel fornire i primi soccorsi prima che fossero trasferiti nell'ospedale di Maradi, ma alcuni di loro non sono sopravvissuti», ha aggiunto.

Ultimo aggiornamento: 21 Febbraio, 10:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA