Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Suicida la dottorossa minacciata dai no-vax in Austria, il procuratore: «Brutalità insopportabile contro lei e il suo staff»

Venerdì 29 Luglio 2022
Lisa-Maria Kellermayr

Alle fine la dottoressa nel mirino dei no-vax non ce l'ha fatta a reggere l'ansia e si è tolta la vita. Dolore e sconcerto in Austria per la morte di Lisa-Maria Kellermayr, la pediatra he era già stata costretta a chiudere il suo studio a causa delle minacce dei no vax.

Video

Il suicidio è stato reso noto dall'ufficio del procuratore, secondo cui la donna avrebbe anche lasciato un biglietto motivando le ragioni del suo gesto. «Le minacce di morte contro di lei e il suo staff sono state di una brutalità reale - ha commentato il ministro della Sanità di Vienna, Johannes Rauch - L'odio contro le persone è ingiustificabile, questo odio deve finire».

Lisa-Maria Kellermayr, che viveva a Voecklabruck, nell'Alta Austria, aveva chiuso di recente il suo studio, dopo aver ricevuto per mesi lettere di minacce da gente che si diceva contraria ai vaccini e alle restrizioni anti Covid. In una di queste, l'autore diceva che sarebbe entrata nel suo studio e che avrebbe torturato e ucciso lei e il suo staff.

La dottoressa aveva ricevuto protezione dalla polizia ma aveva anche speso circa 100mila euro di tasca sua per misure di sicurezza. La procura ha fatto sapere che continuerà ad indagare per individuare i responsabili delle minacce.

Ultimo aggiornamento: 30 Luglio, 22:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA