Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Incendio traghetto, naufrago della Norman Atlantic sopravvive anche all'Euroferry Olympia: «Stavolta mobilitazione più veloce»

Nel 2014 erano morte 31 persone. L'uomo: «Condizioni metereologiche sono state un fattore positivo»

Sabato 19 Febbraio 2022
Naufrago della Norman Atlantic, sopravvive anche all'Euroferry Olympia: «Stavolta mobilitazione più veloce»

Quante possibilità ci sono di restare coinvolti in due naufragi su due navi traghetto a distanza di anni? É successo a uno dei supersiti del disastro dell'Euroferry Olympia, andata a fuoco due giorni fa mentre si dirigeva dalla Grecia all'Italia.

Come riporta l'emittente televisiva Skai, l'uomo che adesso si trova a Corfù insieme agli altri passeggeri soccorsi, è uscito illeso anche al naufragio del traghetto Norman Atlantic, che era andato a fuoco nel 2014. In quell'occasione erano morte 31 persone. «Rispetto al precedente incidente - racconta l'uomo - c'è stata una mobilitazione più veloce all'interno della nave e sono stati in grado di lasciarla in tempo».

 

Incendio traghetto, la Grecia: «Dodici dispersi». Superstiti italiani a Corfù: nessuno ci dice niente

Incendio traghetto, un passeggero: «Fumo dappertutto e c'erano solo 2 scialuppe. Donne e bambini piangevano, ho avuto paura di morire»

 

Come sulla Norman Atlantic

Nella notte tra il 27 e il 28 dicembre 2014 la Norman Atlantic, in viaggio nel Canale di Otranto, si trasformava in un inferno su acqua. A complicare i soccorsi ci si metteva il mare in burrasca e la bufera di neve. La nave era in viaggio dalla Grecia ad Ancona e aveva a bordo 499 persone. Morirono 31 passeggeri, 19 dei quali dispersi, e altri 64 rimasero feriti. Dopo l'evacuazione del traghetto i superstiti, e poi anche il relitto, furono portati a Brindisi. 

Ancora in corso il processo di primo grado per il naufragio. Se stavolta la catastrofe non è stata di quella portata, secondo il superstite, è stato merito anche delle condizioni metereologiche che «sono state un fattore positivo».

Ultimo aggiornamento: 20:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA