Filippine, il presidente Duterte: «O vi vaccinate o vi mando in carcere»

Martedì 22 Giugno 2021
Filippine, il presidente Duterte: «O vi vaccinate o vi mando in carcere»

Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha minacciato di mandare in prigione le persone che rifiuteranno di vaccinarsi contro il covid, poiché il governo ha posto i controlli alle frontiere del paese in "allerta accresciuta" su nuovi casi della variante Delta: «Potete scegliere: o vi vaccinate o vi mando in prigione» ha detto Duterte in sulla tv nazionale ieri sera. Le Filippine hanno iniziato il loro programma di vaccinazione a marzo, ma si è registrata una bassa affluenza in diversi centri di vaccinazione nel paese. Molti sanitari si sono opposti alle dichiarazioni del proprio presidente.

Variante Lambda, cos'è? Sintomi, efficacia dei vaccini e perché l'Oms l'ha definita «di interesse»

Insulti molto pesanti a chi non vuole la dose

Duterte si è sbilanciato nei confronti di chi non vuole farsi il vaccino, ammettendo di essere sempre più esasperato da «questi sciocchi che si sono rifiutati di vaccinarsi». Il presidente ha poi minacciato di vaccinare i no vax con iniezioni destinate ai maiali. Duterte, in passato, ha anche minacciato di sparare ai filippini trovati a violare le restrizioni durante la prima ondata pandemica e mantenne la promessa: ci sono stati diversi casi di presunti trasgressori uccisi dalle autorità , tra cui un uomo anziano e un ex soldato, che soffriva di disturbi da stress post-traumatico. 

Green pass, come richiederlo e quanto dura la certificazione: 8 domande chiave (e risposte)

Come procede la campagna di vaccinazioni nelle Filippine?

 

Dei 110 milioni di abitanti stimati nel paese, solo l'1,95% circa era completamente vaccinato. Secondo un rapporto del governo ad oggi sono state somministrate 8,4 milioni di dosi di vaccino: almeno 6,2 milioni di persone hanno ricevuto la prima dose, mentre 2,15 milioni sono completamente vaccinate. Le Filippine ieri avevano segnalato 1,3 milioni di casi di coronavirus, con quasi 56.000 ancora attivi. I morti sono più di 23.700, di cui 138 lunedì.  La comunità medica filippina ha intensificato gli sforzi per incoraggiare i cittadini a vaccinarsi contro il coronavirus, aprendo siti di vaccinazione in chiese, centri commerciali e cinema, al fine di consentire ai filippini un accesso più facile alle riprese e arrivando anche a promettere vacche in cambio dei vaccini.

 

Vaccini in ritardo

Le Filippine hanno annunciato lunedì di aver firmato un accordo con Pfizer per consegnare 40 milioni di dosi di vaccini Covid. Ma la consegna non è prevista fino ad agosto. Nel frattempo, il dipartimento sanitario filippino ha riferito di aver rilevato quattro nuovi casi della variante Delta altamente infettiva, spingendo il governo ad aumentare le restrizioni al livello di "allerta intensificata". Per aiutare a contenere la diffusione della variante, le Filippine manterranno il divieto di arrivo da India, Pakistan, Nepal, Bangladesh, Sri Lanka, Oman ed Emirati Arabi Uniti fino al 30 giugno.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 23 Giugno, 15:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA