Oligarchi russi, tutti i misteri dietro le morti: dai presunti ictus, ai riti degli sciamani

Oligarchi russi, tutti i misteri dietro le morti: dai presunti ictus, ai riti degli sciamani
Oligarchi russi, tutti i misteri dietro le morti: dai presunti ictus, ai riti degli sciamani
Giovedì 15 Settembre 2022, 16:34 - Ultimo agg. 20:09
4 Minuti di Lettura

La lista degli oligarchi russi morti quest'anno si allunga. L'ultimo uomo vicino a Putin è venuto a mancare questa settimana. La causa? Un presunto “ictus” durante un viaggio d'affari nel villaggio di Roshchino, nella regione dell'estremo oriente russo. Per tenere traccia di tutti i decessi sospetti, Wikipedia ha creato una pagina specifica dove c'è scritto il nome, la data del decesso, il luogo, le circostanze e il ruolo ricoperto. 

Putin, mistero sul giornalista della Pravda amico dello zar morto per «soffocato durante il viaggio di lavoro»

Oligarchi russi morti, la lista

Il 3 giugno 2022, la rete di notizie olandese NOS ha descritto il fenomeno come "una cupa serie di miliardari russi, molti provenienti dalle industrie del petrolio e del gas, che sono stati trovati morti in circostanze insolite dall'inizio di quest'anno". Il primo è stato il 30 gennaio, quando Leonid Shulman, 60 anni, capo dei trasporti del gigante russo dell'energia Gazprom, è stato trovato morto nel bagno della sua casa di campagna nella regione di Leningrado. Accanto al suo corpo c'era un biglietto d'addio. Il 6 luglio 2022, la CNN Portugal ha descritto il gruppo come "milionari con legami diretti o indiretti con il Cremlino trovati morti in uno scenario misterioso dall'inizio dell'anno". Si riferiva a una precedente indagine di USA Today, che concludeva che "38 uomini d'affari e oligarchi russi vicini al Cremlino sono morti in circostanze misteriose o sospette tra il 2014 e il 2017".

Xi a Putin: «Lavoreremo come tra grandi potenze». Lo zar: «L'Occidente vuole un mondo unipolare»

Ivan Pechorin, il multimiliardario annegato a Capo Ignatyev

Ivan Pechorin, un top manager della Corporation for the Development of the Far East and the Arctic, è stato trovato morto a Vladivostok dopo essere caduto dal suo yacht di lusso ed essere annegato vicino a Capo Ignatyev nel Mar del Giappone due giorni prima. "Il 12 settembre 2022 si è saputo della tragica morte del nostro collega Ivan Pechorin, amministratore delegato dell'industria aeronautica della Corporation for the Development of the Far East and the Arctic", si legge in una nota della società. Si dice che Pechorin sia stato incaricato di modernizzare l'industria aeronautica russa e abbia lavorato direttamente sotto Putin.

Ravil Maganov, presidente del gigante petrolifero russo Lukoil e schietto critico di Putin

La notizia della morte di Pechorin è arrivata meno di due settimane dopo la morte del presidente del consiglio di amministrazione della più grande compagnia petrolifera privata russa, Ravil Maganov, in quella che le agenzie di stampa russe hanno citato come una caduta accidentale dalla finestra di un ospedale. Inizialmente, una dichiarazione della sua compagnia Lukoil affermava che Maganov "è morto dopo una grave malattia" il 1 settembre, ma non ha fornito ulteriori dettagli. I notiziari russi in seguito hanno affermato che il suo corpo è stato trovato nell'ospedale clinico centrale di Mosca, dove vengono spesso curate l'élite politica e imprenditoriale russa. Maganov sembrava essere caduto da una finestra del sesto piano, dicono i rapporti. Alcune fonti hanno affermato che è inciampato ed è caduto mentre fumava, affermando che un pacchetto di sigarette è stato trovato vicino alla finestra. Il sito di notizie RBK ha anche affermato che la polizia sta indagando sulla possibilità di suicidio. Lukoil è stata una delle poche compagnie russe a chiedere pubblicamente la fine dell'invasione russa dell'Ucraina, chiedendo a marzo "l'immediata cessazione del conflitto armato".

 

Aleksandr Subbotin, morto nel seminterrato di uno sciamano

Un ex top manager Aleksandr Subbotin è stato trovato morto nel seminterrato di una residenza in un sobborgo di Mosca a maggio. Secondo i notiziari russi, la casa apparteneva a un sedicente guaritore, lo sciamano Magua, che praticava riti di purificazione. Magua ha testimoniato che Subbotin è venuto a casa sua sotto l'effetto di alcol e droghe e ha chiesto al guaritore, il cui vero nome è Aleksei Pindurin, eseguisse un rituale di guarigione per i sintomi della sbornia. Gli investigatori hanno affermato che la causa preliminare della morte di Subbotin è stata determinata da un'insufficienza cardiaca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA