Passeggero ferito alla testa da un proiettile mentre l'aereo è in volo: «Ho perso molto sangue»

Passeggero ferito alla testa da un proiettile mentre l'aereo è in volo: «Ho perso molto sangue»
Passeggero ferito alla testa da un proiettile mentre l'aereo è in volo: «Ho perso molto sangue»
Domenica 2 Ottobre 2022, 10:28 - Ultimo agg. 16:45
3 Minuti di Lettura

Un passeggero di un aereo è stato ferito da un proiettile che sparato da terra, che ha perforato la fusoliera. L'uomo stava viaggiando su un aereo della Myanmar National Airlines, che stava per atterrare a Loikaw, in Myanmar, quando è stato colpito. Una foto mostra la vittima al suo posto, accasciata e con in mano un fazzoletto sul lato destro del collo e della guancia, mentre i fazzoletti imbevuti di sangue giacciono accanto a lui. All'atterraggio è stato portato d'urgenza in ospedale.

ITA Airways e Itabus lanciano il biglietto unico integrato: servizio al via il 1° dicembre

Passeggero ferito in testa da un proiettile in aereo, voli cancellati

Un'altra immagine mostra il buco nella fusoliera fatto dal proiettile, che ha colpito l'aereo mentre volava a un'altitudine di 3.500 piedi a circa quattro miglia a nord dell'aeroporto, riporta The Sun. Tutti i voli per la città, che è la capitale dello stato di Kayah, sono stati cancellati a tempo indeterminato, ha affermato l'ufficio della Myanmar National Airlines a Loikaw.

Perché è accaduto

Il governo militare del paese ha attribuito la colpa alle forze ribelli, anche se i gruppi ribelli negano di avere qualcosa a che fare con la sparatoria. Il maggiore generale Zaw Min Tun, portavoce del consiglio militare al governo del Myanmar, ha dichiarato alla TV di stato: "Questo tipo di attacco all'aereo passeggeri è un crimine di guerra". Ci sono stati intensi combattimenti tra militari e gruppi ribelli nello stato orientale di Kayah da quando l'esercito ha rovesciato il governo democraticamente eletto del paese lo scorso febbraio e ne ha preso il controllo. Il governo ha affermato di aver aumentato la sicurezza intorno all'aeroporto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA