Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Patrick Zaki, processo aggiornato al 21 giugno. L'attivista sotto attacco informatico

Martedì 5 Aprile 2022
Patrick Zaki, processo aggiornato al 21 giugno. L'attivista sotto attacco informatico

Patrick Zaki, processo aggiornato al prossimo 21 giugno per l'attivista egiziano e studente dell'Università di Bologna. Lo ha rivelato per prima la sorella Marise all'Ansa, al termine dell'udienza svoltasi stamattina presso il Palazzo di Giustizia di Mansura, città natale di Patrick. Dall'attivista egiziano è poi arrivata la conferma diretta.

 

Leggi anche > Uccise il padre violento per difendere la madre: ricorso contro l'assoluzione di Alex Pompa

 

 

 

 

Patrick Zaki, attacco informatico prima dell'udienza

Dalla scorsa notte «sto affrontando un enorme attacco informatico sui miei account di posta elettronica e social media»: lo ha scritto stamattina su Twitter Patrick Zaki limitandosi ad aggiungere «che buon inizio!!» con implicito riferimento all'udienza odierna del suo processo. 
«Forse dopo mezzanotte ho visto che molte persone stavano tentando di entrare nei miei account Facebook, Twitter ed email. Non so perché», ha detto Patrick parlando a giornalisti davanti al Palazzo di Giustizia di Mansura. «Che cosa volessero non lo so», ha ribadito l'attivista per i diritti umani e civili confermando che comunque «sembrava un hackeraggio», anche se «non so chi c'era dietro».

 

 

 

 

Patrick Zaki, all'udienza anche diplomatici italiani

Al tribunale di Mansura, per assistere all'udienza del processo di Patrick Zaki, erano presenti, come in tutte le precedenti udienze due diplomatici italiani, accompagnati questa volta da rappresentanti di Germania, Francia, Usa e Canada. Lo ha constatato l'ANSA sul posto dove c'è anche un avvocato dell'Ambasciata italiana e una rappresentante legale dell'Unione Europea. La presenza internazionale avviene su richiesta italiana nell'ambito di un monitoraggio dell'Ue di rilevanti processi egiziani.

 

Patrick Zaki, Amnesty International: «La Farnesina pensi ancora a lui»

«Ci rassicurerebbe sapere che in questo momento in cui l'attenzione del mondo è doverosamente concentrata su altro in qualche stanza della Farnesina si continui a pensare a Patrick Zaki e a cercare soluzioni per farlo tornare al più presto in libertà». Così all'ANSA Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia alla notizia dell'ennesimo rinvio del processo. «Si potrebbe chiamare cronaca di un rinvio annunciato. Questo non va bene, Patrick è bloccato nelle maglie di un sistema giudiziario che prima lo ha tenuto per 22 mesi in attesa del processo e ora lo sta trattenendo dentro un processo che non si sa quando finirà».

Ultimo aggiornamento: 14:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA