Pedofilia, il miliardario Jeffrey Epstein arrestato per un presunto traffico sessuale di minorenni

3
  • 126
Il miliardario filantropo Jeffrey Epstein è travolto da un nuovo scandalo di abusi sessuali su ragazze minorenni che potrebbe coinvolgere o mettere in imbarazzo altri personaggi potenti, anche a livello internazionale. Il finanziere, 66 anni, un tempo amico di Bill Clinton (cui aveva prestato il suo jet 'Lolita Express'), Donald Trump e del principe Andrea, è stato arrestato sabato a New York per un presunto traffico sessuale di minorenni che sarebbe avvenuto tra la Grande Mela e la Florida fra il 2002 e il 2005. Lunedì si dovrà presentare davanti ad una corte federale di Manhattan, dove verranno rivelati capi di imputazione che potrebbe costargli una condanna di almeno 45 anni, facendogli finire il resto della vita dietro le sbarre. Secondo le anticipazioni del Daily Beast, Epstein verrà accusato di aver sfruttato decine di ragazzine di circa 14 anni pagandole in contanti per massaggi e poi molestandole o abusandole nella sua casa nell'Upper East Side o nella sua villa a Palm Beach, non lontana da quella di Trump. Nelle indagini potrebbero essere coinvolti anche dipendenti e soci del magnate, come reclutatori della giovani vittime.

«Aspettavamo da tempo, speriamo ora che i procuratori non si fermino perchè c'erano molte altre persone coinvolte», ha commentato l'avvocato David Boies, che rappresenta due delle principali accusatrici. Epstein diventa così l'ultimo personaggio in ordine di tempo nel mirino del movimento #Metoo. Ma lo schema è lo stesso scoperto nel 2007 dalla magistratura della Florida, quando il miliardario trasportava minorenni sul suo jet privato per molestarle nelle sue residenze di lusso, dalle Virgin Islands al ranch a Stanley, New Mexico. In quell'occasione però Epstein riuscì a patteggiare segretamente solo 13 mesi di carcere (trascorsi in condizioni privilegiate) nonostante fosse accusato di aver abusato sessualmente oltre 30 minorenni: si dichiarò colpevole solo di due accuse statali per prostituzione, fu registrato come 'sex offender', risarcì le vittime identificate dall'Fbi ma evitò un ben più rischioso processo federale, ottenendo l'immunità per sè e i suoi complici. Questo grazie all'allora attorney Alex Acosta, attuale ministro del lavoro dell'amministrazione Trump. Ma in febbraio un giudice federale della Florida ha stabilito che quel patteggiamento era illegale in quanto le vittime non furono informate, mettendo in imbarazzo il governo Trump.

E nei giorni scorsi una corte d'appello federale ha deciso che siano desecretati i documenti con i nomi delle persone coinvolte, scrivendo che il diritto dell'opinione pubblica all'informazione prevale sulla privacy di certi individui, «compresi numerosi eminenti politici americani, potenti manager, presidenti stranieri, un primo ministro ben noto ed altri leader stranieri». A tremare ora non è solo l'America.
Lunedì 8 Luglio 2019, 10:08 - Ultimo aggiornamento: 08-07-2019 18:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-07-09 12:57:23
Vedi che adesso esce anche Silvio!
2019-07-08 19:45:01
Un altro filantropo, pure soros si addice filantropo!
2019-07-08 14:56:39
Bene, speriamo vivamente si faccia luce su tutto. Gli usa hanno tanti problemi, ma la giustizia funziona a meraviglia. Speriamo bene!

QUICKMAP