Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin, il capo di Sberbank lo smentisce: «Ci vorranno dieci anni prima che la Russia si riprenda dalle sanzioni»

Venerdì 17 Giugno 2022
Putin, il capo di Sberbank lo smentisce: «Ci vorranno dieci anni prima che la Russia si riprenda dalle sanzioni»

C'è chi ha il coraggio di smentire Putin in Russia. È German Gref, il capo di Sberbank, la più grande banca russa. Secondo l'alto dirigente, l'economia russa potrebbe impiegare un decennio per riprendersi dalle pesanti sanzioni imposte al Paese dopo l'invasione dell'Ucraina a febbraio. Per tornare ai livelli precedenti alle sanzioni potrebbero essere necessari quasi 10 anni, dato che il Paese rimane tagliato fuori da metà dei suoi scambi commerciali, ha dichiarato German Gref, il capo di Sberbank, la più grande banca russa.

Ucraina, Putin: contro la Russia sanzioni folli, non hanno funzionato

Scontro tra Putin e capo di Sberbank, cosa ha detto il dirigente

Gref ha stimato che le nazioni che hanno interrotto i legami con la Russia sono responsabili del 56% delle sue esportazioni e del 51% delle sue importazioni, paralizzando l'economia del Paese. "Si tratta di una minaccia per il 15% del prodotto interno lordo del Paese, la maggior parte dell'economia è sotto il fuoco", ha dichiarato l'amministratore delegato Gref, intervenendo al forum economico internazionale annuale della Russia a San Pietroburgo.

 

Multinazionali in fuga dalla Russia

Decine di multinazionali si sono ritirate dalla Russia in seguito all'invasione dell'Ucraina, mentre un nutrito gruppo di Paesi ha tagliato l'accesso della Russia alla rete finanziaria internazionale e ha sequestrato proprietà, yacht e jet privati appartenenti ad alleati del presidente Vladimir Putin. L'isolamento economico imposto alla Russia ha causato il crollo del mercato azionario e del rublo, l'impennata del costo dei beni di consumo e ha spinto il governo a introdurre rigidi controlli sui capitali.

Tensione nel Mar Baltico, nave russa invade acque danesi. Copenhagen: «Metodi russi da bulli sono inaccettabili»

La banca centrale russa aumenta i tassi d'interesse

La banca centrale russa ha anche aumentato il tasso di interesse dal 9,5% al 20%, prima di ridurlo nuovamente a giugno. A causa delle sanzioni e "se non facciamo nulla, potrebbe essere necessario un decennio per riportare l'economia ai livelli del 2021", ha dichiarato Gref. L'amministratore delegato ha anche chiesto riforme strutturali dell'economia russa. La Russia ha sofferto per la rottura delle sue arterie logistiche principali: alle navi russe è stato vietato l'ingresso nei porti dell'Unione Europea, mentre le sanzioni hanno chiuso lo spazio aereo sopra l'Europa alle compagnie aeree russe. Secondo Gref, le spedizioni di merci sono diminuite di sei volte.

Ultimo aggiornamento: 18 Giugno, 17:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA