Putin usa il freddo come arma, Kiev senza luce e riscaldamenti. Raid aerei sulle reti elettriche di Kherson

I bombardamenti russi sulla città meridionale di Kherson hanno preso di mira le linee elettriche, oltre ai quartieri residenziali più popolosi

Putin usa il freddo come arma, Ucraina senza luce e riscaldamenti. Raid aerei sulle reti elettriche di Kherson
Putin usa il freddo come arma, Ucraina senza luce e riscaldamenti. ​Raid aerei sulle reti elettriche di Kherson
Domenica 27 Novembre 2022, 17:33 - Ultimo agg. 23:29
5 Minuti di Lettura

Primi morti per il feroce freddo in Ucraina: le persone rimaste senza riscaldamento a causa dei blackout continui provocati dai bombardamenti russi cercano di ingegnarsi per trovare fonti di calore, ma - riferiscono i media ucraini - in alcuni casi i tentativi risultano letali. Come nel caso di un anziano morto a causa dell'esplosione e del successivo incendio scoppiato nella sua abitazione a Vyshgorod, nella regione di Kiev, dopo aver cercato di accendere una caldaia a combustibile solido.

Putin, nuovo esercito privato per proteggere le carceri. Gli 007 ucraini: «Milizia contro monopolio Gruppo Wagner»

Raid aerei sulle reti elettriche di Kherson

I bombardamenti russi sulla città meridionale di Kherson hanno preso di mira le linee elettriche, oltre ai quartieri residenziali più popolosi: ieri meno del 5% dei residenti aveva la corrente in casa. «L'esercito di Mosca continua a distruggere le infrastrutture energetiche di Kherson. Anche oggi hanno preso di mira le linee elettriche che forniscono la luce alla città. I tecnici sono al lavoro, alcune reti sono state già ripristinate», ha dichiarato il capo dell'amministrazione militare regionale Yaroslav Yanushevych, come riporta Ukrinform.

 

Zelensky avverte l'Onu

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha esortato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ad agire contro la Russia per gli attacchi aerei sulle infrastrutture civili che hanno nuovamente fatto precipitare le città ucraine nell'oscurità e nel freddo con l'arrivo dell'inverno.

Mercoledì (23 novembre) la Russia ha lanciato uno sbarramento missilistico in tutta l'Ucraina, uccidendo 10 persone, costringendo alla chiusura delle centrali nucleari e interrompendo la fornitura di acqua ed elettricità in molti luoghi.

“Oggi è solo un giorno, ma abbiamo ricevuto 70 missili. Questa è la formula russa del terrore. Tutto questo è contro la nostra infrastruttura energetica... Ospedali, scuole, trasporti, quartieri residenziali hanno sofferto tutti", ha detto Zelenskyy tramite collegamento video alla camera di consiglio.

L'Ucraina attendeva di vedere “una reazione molto ferma” agli attacchi aerei di mercoledì dal mondo, ha aggiunto.

È improbabile che il consiglio intraprenda alcuna azione in risposta all'appello poiché la Russia è un membro con potere di veto.

L'ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite Linda Thomas-Greenfield ha affermato che il presidente russo Vladimir Putin "sta chiaramente armando l'inverno per infliggere immense sofferenze al popolo ucraino".

Il presidente russo "cercherà di congelare il Paese alla sottomissione", ha aggiunto.

L'ambasciatore russo alle Nazioni Unite Vasily Nebenzya ha risposto lamentando che era contrario alle regole del consiglio che Zelenskiy apparisse tramite video e ha respinto quelle che ha definito "minacce e ultimatum sconsiderati" da parte dell'Ucraina e dei suoi sostenitori in Occidente.

Nebenzya ha affermato che i danni alle infrastrutture ucraine sono stati causati dai missili lanciati dai sistemi di difesa aerea ucraini che si sono schiantati contro le aree civili dopo essere stati lanciati contro i missili russi e ha invitato l'Occidente a smettere di fornire a Kiev missili di difesa aerea.

La capitale Kiev è stata uno dei principali obiettivi mercoledì degli attacchi missilistici. “Oggi abbiamo avuto tre riscontri su grattacieli. Purtroppo 10 persone sono morte", ha dichiarato il ministro dell'Interno Denys Monastyrsky. Reuters non è stato in grado di verificare in modo indipendente il rapporto.

Le esplosioni si sono propagate in tutta Kiev mentre i missili russi si abbattevano e i razzi della difesa aerea ucraina venivano lanciati nel tentativo di intercettarli.

“Il nostro piccolo dormiva. Due anni. Stava dormendo, si è coperta. È viva, grazie a Dio", ha detto un uomo che ha dato il suo nome come Fyodr, allontanandosi da un condominio fumante che è stato colpito a Kiev, trascinando una valigia.

Tutta la regione di Kiev, dove vivono oltre 3 milioni di persone, ha perso elettricità e acqua corrente, ha detto il governatore di Kiev. Gran parte dell'Ucraina ha sofferto di problemi simili e alcune regioni hanno implementato blackout di emergenza per aiutare a risparmiare energia ed eseguire riparazioni.

All'inizio di giovedì, Zelenskyy ha detto che l'elettricità e altri servizi sarebbero stati ricollegati in più aree. "Gli specialisti dell'energia, i lavoratori municipali, le squadre di emergenza lavorano 24 ore su 24", ha detto in un discorso video.

Da ottobre, la Russia ha ammesso di aver preso di mira la rete energetica civile ucraina lontano dalle linee del fronte mentre una controffensiva ucraina ha riconquistato il territorio degli occupanti russi a est ea sud.

Mosca afferma che l'obiettivo dei suoi attacchi missilistici è indebolire la capacità dell'Ucraina di combattere e spingerla a negoziare. Kiev afferma che gli attacchi alle infrastrutture equivalgono a crimini di guerra, deliberatamente intesi a danneggiare i civili e spezzare la volontà nazionale.

Ciò non accadrà, ha promesso Zelenskyy in un precedente indirizzo video pubblicato sull'app di messaggistica Telegram.

“Rinnoveremo tutto e supereremo tutto questo perché siamo un popolo indistruttibile”, ha detto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA