Putin e la buffa formula per licenziare i comandanti: Lapin «in vacanza», al suo posto ecco Linkov

Putin e la buffa formula per licenziare i comandanti: Lapin «in vacanza», al suo posto ecco Linkov
Putin e la buffa formula per licenziare i comandanti: Lapin «in vacanza», al suo posto ecco Linkov
di Mauro Evangelisti
Domenica 6 Novembre 2022, 15:49 - Ultimo agg. 7 Novembre, 10:23
3 Minuti di Lettura

La formula usata da alcuni media russi fa sorridere per quanto è scontata. Spiega che il maggiore generale Alexander Linkov svolgerà temporaneamente il compito di comandante del distretto militare centrale durante l'assenza del maggiore generale Alexander Lapin che avrebbe preso un periodo di vacanza (3 settimane). In realtà la sostituzione di Lapin era nell'aria, visto che era già stato messo in discussione il mese scorso, dopo che era stato bersagliato da critiche, per le sconfitte sul campo dell'esercito russo in Ucraina, lanciate dai fedelissimi di Putin, come il leader ceceno Ramzan Kadyrov e il capo del gruppo di mercenari Wagner, Yevgeny Prigozhin.

I licenziamenti di Mosca

Secondo un'analisi del Ministero della Difesa britannico «questi licenziamenti rappresentano un modello di biasimo nei confronti degli alti comandanti militari russi per il mancato raggiungimento degli obiettivi russi sul campo di battaglia. In parte si tratta probabilmente di un tentativo di isolare e deviare la colpa dai vertici russi in patria». Lapin è solo l'ultimo di una lunghissima lista di generali che sono stati cacciati, dopo avere fallito i risultati che Putin aveva assicurato i russi con la cosiddetta "operazione speciale militare" in Ucraina.

Putin, fronda interna in conclave in Polonia. La strategia degli oppositori per una «Russia democratica»

Chi è Linkov

Ma chi è Linkov? La Tass, agenzia russa, si è limitata a spiegare: «Il maggiore generale Alexander Linkov agisce temporaneamente come comandante delle truppe del distretto militare centrale». Secondo Ukrainska Pravda si tratta di un ufficiale rimasto sempre nell'ombra, anche se ha partecipato alle grandi parate che hanno comunque un valore simbolico, su cui non ci sono molte informazioni in rete: «In precedenza ha presieduto il dipartimento di organizzazione e mobilitazione del Distretto Militare Centrale». Si potrebbe anche trattare di una nomina realmente temporanea in attesa di individuare la persona migliore per ricoprire il posto che fu di Lapin.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA