Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin e l'ordine di lanciare la bomba nucleare: la possibile reazione (e l'ammutinamento) dei suoi agenti

Un eventuale rifiuti dei suoi uomini metterebbe a rischio il ruolo di leader autoritario del Cremlino

Lunedì 11 Aprile 2022 di Simone Pierini
Putin e l'ordine di lanciare la bomba nucleare: la possibile reazione dei suoi agenti (e il rischio ammutinamento)

«​Putin non darà l'ordine di lanciare la bomba nucleare perché non sarebbe eseguito dai suoi funzionari». Lo sostiene Christo Grozev del team di notizie specializzato Bellingcat in un intervento alla Bbc. Qualora volesse davvero scegliere di sferrare un attacco atomico, il presidente russo si troverebbe di fronte a un possibile ammutinamento dei suoi uomini che non sarebbero pronti ad un passo di tale portata. Un rischio troppo grande per lo Zar per il quale ricevere un rifiuto rappresenterebbe la fine della sua autorità. 

 

 

Putin e l'ordine di attacco nucleare

«Putin non emetterà un ordine di usare armi nucleari se non è sicuro che l'ordine sarà eseguito. Nelle ultime settimane, è stato affermato che un gran numero di agenti non è pronto per eseguire tali ordini», ha spiegato Grozev al canale britannico. «Il fatto che dubiti ridurrà il rischio che prenda una decisione del genere», ha aggiunto. 

 

 

Il tema ammutinamento

Un ammutinamento di tale portata potrebbe essere fatale per la sua reputazione di "uomo forte" a capo del Cremlino. Già nelle ultime settimane la potenza militare russa sul campo è apparsa in confusione e in difficoltà al cospetto della forte resistenza ucraina. Un esercito quello di Putin, frantumata dalla diserzione e dall'ammutinamento di molti uomini complice anche la caduta di diversi generali rimasti uccisi in battaglia. L'ultimo esempio risale alla scorsa settimana quando 60 paracadutisti russi hanno organizzato un ammutinamento e si sono rifiutati di combattere contro le forze ucraine. In un altra situazione un comandante russo sarebbe stato deliberatamente investito da un carro armato - e in alcuni rapporti ucciso - per vendicare «l'entità delle perdite subite dalla sua brigata».

 

 

 

Il dietrofronti dei soldati

Gli ammutinamenti non si limiterebbero solo alla terra ferma. Secondo l'ex diplomatico ucraino Olexander Scherba, i marines russi dell'810a Brigata si sarebbero rifiutati di lasciare la loro nave e di attaccare la città di Odessa. «La scorsa notte un folto gruppo di navi da guerra russe stava per lanciare l'atterraggio sulle spiagge di Odessa. Si sono avvicinati alla costa ed erano pronti per bombardare la spiaggia. Mentre l'Ucraina stava per rispondere al fuoco  si sono improvvisamente ritirati. Sono i segnali che i marines della Crimea si sono rifiutati di attaccare Odessa», ha twittato Scherba. In questo clima, la previsione di Grozev è - quindi - che gli ufficiali russi potrebbero esitare a premere il pulsante. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 12 Aprile, 10:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA