Putin, l'esercito russo «mangia gli animali» allo zoo di Yampil (nel Donesk) per sopravvivere

Putin, l'esercito russo ha mangiato gli animali allo zoo di Yampil (nel Donesk) per sopravvivere
Putin, l'esercito russo ha mangiato gli animali allo zoo di Yampil (nel Donesk) per sopravvivere
Venerdì 4 Novembre 2022, 16:22 - Ultimo agg. 5 Novembre, 15:54
3 Minuti di Lettura

I soldati russi hanno mangiato gli animali dello zoo di Yamplin (nel Donetsk) per non morire di fame. In un disperato gesto istintivo per rimanere in vita, le leve di Mosca hanno massacrato gli animali del parco. I volontari che si sono appena trasferiti nell'area liberata lo scorso 30 settembre, descrivono scene terrificanti.

Missili vampiro, l'arma anti-droni che potrebbe dare una svolta alla guerra in Ucraina

Soldati russi mangiano gli animali dello zoo, i volontari: «Uccisi anche un bisonte, un cammello e un canguro»

Ossa e carcasse di animali sparse per tutto il parco zoologico. Questa è la scena raccapricciante che si è presentata davanti agli occhi dei volontari dello zoo di Yamplin. Prima della liberazione da parte dell'esercito di Kiev, la zona era da diverso tempo occupata dai soldati russi, ma la fine di provviste e munizioni, insieme alla prepotente avanzata delle forze ucraine di fine settembre, aveva costretto decine di soldati russi a rifugiarsi nel parco degli animali.

Rimasti chiusi, e nascosti, nell'area per diverso tempo, a causa dell'impossibilità di fuggire, fame e il freddo avevano cominciato a mettere a dura prova i soldati di Putin, che presi dalla disperazione non hanno potuto far altro che saziarsi con gli animali nelle gabbie. 

I soccorritori hanno dichiarato di aver trovato scheletri di animali e pezzi di carne e ossa sparsi per il parco dello zoo, raccontano: «La gente del posto ha detto che mangiavano i canguri, non abbiamo ancora trovato le ossa perché ce ne sono così tante sparse che non riusciamo a distinguerle»Il racconto dell'orrore continua: «C'era anche un bisonte, è stato ucciso e mangiato. Anche diversi asini e struzzi. Molti cavalli sono scappati, ora stiamo setacciando il territorio nella speranza di ritrovarli».

Un secondo sopralluogo delle forze militari giallo blu ha stabilito che in tutto sono stati uccisi: due cammelli, un canguro, un bisonte, alcuni maialini, uccelli e lupi. Gli animali sopravvissuti saranno trasferiti nella città di Dnipro. Prima dell'invasione del 24 febbraio, i guardiani dello zoo hanno affermato che il complesso ospitava una vasta gamma di animali, tra cui orsi, cammelli, antilopi e cinghiali. I volontari stanno raccogliendo materiale per contattare le forze dell'ordine ucraine al fine di sporgere denuncia per delitti contro gli animali da parte dell'esercito russo.

Putin, i segreti della ritirata russa in un edificio abbandonato di Balakliya: ecco i documenti dell'esercito dello Zar

© RIPRODUZIONE RISERVATA