Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin perde anche Yumashev, il genero di Eltsin che lo lanciò ai vertici del Cremlino si è dimesso da consigliere

Lunedì 30 Maggio 2022 di Mario Landi
Putin perde anche Yumashev, il genero di Eltsin che lo lanciò come presidente si è dimesso dal Cremlino

Valentin Yumashev, genero dell'ex presidente russo Boris Eltsin che ha aiutato Vladimir Putin a salire al potere, si è dimesso dal suo ruolo di consigliere del Cremlino. Lo ha rivelato la Reuters citando due persone vicine a Yumashev. Si tratta di un consigliere non pagato con un'influenza limitata sul processo decisionale di Putin, ma la sua partenza rimuove uno degli ultimi legami all'interno dell'amministrazione di Putin con il governo di Eltsin, un periodo di riforme liberali e di apertura della Russia verso l'Occidente.

Le altre dimissioni al Cremlino

Putin ha ordinato alle sue forze armate di attaccare l'Ucraina il 24 febbraio in un'invasione che secondo i governi occidentali è un atto di aggressione ingiustificata e che Mosca definisce una «operazione speciale» necessaria per proteggere i russofoni nell'Ucraina orientale. A marzo, Anatoly Chubais, un'altra figura di spicco dell'era Eltsin, ha lasciato il suo ruolo di inviato speciale del Cremlino. Questo mese, un diplomatico della missione russa presso le Nazioni Unite si è dimesso per la sua contrarietà nei confronti della guerra. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov non ha commentato la notizia delle dimissioni di Yumashev.

L'addio al Cremlino ad aprile

Lyudmila Telen, primo vicedirettore esecutivo del Boris Eltsin Presidential Center, una fondazione in cui Yumashev è un membro del consiglio di amministrazione, ha detto a Reuters che Yumashev aveva rinunciato al suo ruolo di consigliere del Cremlino ad aprile. Alla domanda sul motivo per cui ha lasciato il ruolo, ha detto: «È stata una sua iniziativa». Una seconda persona a conoscenza del pensiero di Yumashev, che ha preferito rimanere anonimo, ha confermato l'addio di Yumashev già ad aprile.

Il ruolo di Yumashev nell'ascesa di Putin

Sotto il governo Eltsin, che è stato presidente della Russia dal 1991 al 1999, Yumashev ha servito come consigliere del Cremlino e successivamente come capo di stato maggiore. È sposato con la figlia di Eltsin, Tatyana. Dirigeva l'amministrazione presidenziale nel 1997 quando Putin, un'ex spia del KGB a cui era stato assegnato un lavoro amministrativo di medio rango al Cremlino un anno prima, fu promosso vice capo di stato maggiore del Cremlino. Quella promozione ha fornito il trampolino di lancio per Putin per essere designato come erede di Eltsin e vincere le elezioni nel 2000. Sebbene le politiche di Putin nel corso degli anni si siano discostate dai valori sposati dal suo precedessore, il leader russo ha mantenuto legami con lo stesso Eltsin. Nel gennaio 2020, secondo il sito web del Cremlino, Putin ha visitato la figlia di Eltsin, Tatyana, a casa sua per congratularsi con lei per il suo compleanno.

Azovstal, la resa e il destino dei prigionieri di guerra: «I soldati rischiano la condanna a morte». Ipotesi Norimberga 2

Ultimo aggiornamento: 1 Giugno, 08:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA