Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin e Zelensky, dove li collocherebbe Dante nella Divina Commedia?

Venerdì 25 Marzo 2022 di Francesco Musolino
Putin e Zelensky, dove li collocherebbe Dante nella Divina Commedia? Rispondono i dantisti

Un mese e un giorno di conflitto fra l’Ucraina e la Russia. E proprio oggi cade il Dantedì, il giorno commemorativo per il Sommo poeta, Dante Alighieri. Una data certo non casuale, difatti, proprio il 25 marzo corrisponde allo stesso giorno del 1300 in cui, secondo la tradizione, Dante si perdeva nella “selva oscura”, dando inizio al suo viaggio nell'Inferno, che lo condurrà poi al Purgatorio e si concluderà con l'arrivo in Paradiso.

Ma oggi, vista la stretta e pressante attualità, il presidente della Russia, Vladimir Putin e il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky che fine farebbero? Quale giudizio otterrebbero dal Sommo? Promossi o bocciati, le loro anime sarebbero dannate per sempre o salve per l’eternità?

Bullicame e Zitelle, ancora degrado e ritardi. L'appello a prefetto e commissario: «Intervengano»

Il viaggio di Dante spiegato ai bambini e il conclave più lungo della storia agli adulti

Una domanda che ha sconcertato diversi dantisti che non sono riusciti a colmare la distanza fra le pagine e la realtà; a tal proposito, registriamo la dichiarazione del filologo torinese Carlo Ossola, il curatore per Marsilio di diversi volumi su Dante, fra cui la Divina Commedia: «Le confesso che non mi sento adatto per questo tipo di simulazioni: la realtà è di 4 milioni di esuli, 20.000 o 30.000 morti, molte migliaia di deportati, città rase al suolo. Anche Dante sarebbe afono». Ma lo scrittore Gabriele Dadati – piacentino, classe ’82, autore di Nella pietra e nel sangue (Baldini+Castoldi, 2020), romanzo di ambientazione dantesca – si è spinto oltre: «La guerra, per Dante, non è in sé una colpa, ma un evento che si verifica e che continuerà a verificarsi, parte della storia e dell’animo umano. Mentre per la nostra società occidentale, ormai da qualche decennio, la guerra è un elemento culturalmente superato, di certo non lo era per lui, per Dante. Putin però agisce mosso da un'ira che gli vale almeno il V° cerchio dell'Inferno, ma forse - visto quello che sta davvero facendo ai russi - starebbe bene anche nel IX°, riposto tra i traditori della patria, come memento perenne - afferma Dadati raggiunto al telefono – al contrario, non mi sentirei affatto di condannare Zelensky, per quanto, ad onor del vero, abbia più di un tratto inquadrabile nelle pene dantesche. Ora parla come un indovino (VIII° cerchio), ma chissà che la sua non sia, a volte, anche la superbia che viene punita nel I° cornicione del Purgatorio».

Putin, la giornata tipo (e anomala) dello zar: sveglia tardi, colazione a prova di veleno, due ore in piscina e poi nello studio senza pc

 

Ultimo aggiornamento: 26 Marzo, 00:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA