Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rapita e torturata dall'ex: «Mi ha tatuato il suo nome sul viso per marchiarmi come sua proprietà»

Martedì 24 Maggio 2022
Rapita e torturata dall'ex: «Mi ha tatuato il suo nome sul viso per marchiarmi come sua proprietà»

Rapita e legata per imprimerle sul volto il suo marchio di proprietà. Una violenza agghiacciante quella subita da una ragazza di 18 anni che ha denunciato l’ex partner alla polizia. Il giovane poco più grande di lei, le ha tatuato sulla guancia il suo nome. Una tortura alla quale la ragazza ha tentato di opporsi con tutte le forze: urlando e pregandolo tra le lacrime l'uomo di lasciarla andare. Nulla è servito, anzi, il ragazzo ha deciso di azzittirla colpendola con forza. Il calvario della brasiliana Tayane Caldas è iniziato quando ha lasciato la sua casa a Taubate, nel sud-est del Brasile, per frequentare un corso. L’uomo, che all'epoca era soggetto a un ordine restrittivo, l’ha seguita e l'ha costretta a salire sulla sua macchina.

 

Leggi anche > Londra, per celebrare la regina Elisabetta gli autobus si colorano di viola

 

«Mi ha legato entrambe le braccia e ha detto che mi avrebbe tatuato la faccia - ha raccontato Tayane a Globo - Ho pianto, l'ho pregato. Gli ho chiesto di non farlo perché avrebbe distrutto la mia vita e lui ha detto che lo avrebbe fatto comunque. E mentre urlavo, mi ha colpito. Non ho visto il tatuaggio fino a a quando era finito. Quando ho guardato, non ero più io. Mi ha ucciso dentro, ha chiuso con me marchiandomi e dicendo che sono di sua proprietà». Il giorno successivo, Tayane è tornata a casa da sua madre, riporta il Sun, che è rimasta scioccata vedendola coperta di lividi e con il tatuaggio su un lato del viso. Dopo la denuncia l'uomo, di circa 20 anni, è stato subito arrestato per aver violato l'ordine restrittivo.

 

La madre della vittima, Deborah Velloso, ha spiegato che Tayane non usciva quasi mai di casa da sola perché aveva il terrore che il suo ex potesse avvicinarsi a lei. L'aggressore si è difeso dicendo alla polizia che Tayane aveva accettato il tatuaggio e ha persino mostrato agli agenti un video che apparentemente mostrava il consenso dell'adolescente. Un video fatto sotto costrizione, ha spiegato la ragazza, aggiungendo che in quel momento aveva le mani legate. L'uomo si trova ora in custodia cautelare. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 25 Maggio, 07:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA