Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rogozin, tweet choc contro l'Ucraina: «Minaccia esistenziale per la Russia, bisogna farla finita una volta per tutte»

Martedì 14 Giugno 2022
Rogozin, il tweet choc contro l'Ucraina: «Minaccia esistenziale per la Russia, bisogna farla finita una volta per tutte»

Tweet choc contro l'Ucraina. Il responsabile è ancora una volta un russo ma tutt'altro che sconosciuto: Rogozin, capo dell'agenzia spaziale russa, ha scritto che l'Ucraina è «una minaccia esistenziale per la Russia» chiedendo letteralmente di porre fine agli ucraini «una volta e per sempre». Un tweet che è stato accolto da una enorme ondata di sdegno. «È un chiaro incitamento al genocidio, come può essere tollerato?», i commenti al post. 

«Se non mettiamo la parola fine, perché purtroppo i nostri nonni non li hanno eliminati, dovremo morire, ma finiremo con un costo ancora maggiore per i nostri nipoti - si legge ancora -. Quindi facciamola finita. Una volta e per sempre. Per i nostri nipoti».

Rogozin, uomo chiave di Putin

Rogozin non è certo nuovo a uscite del genere. «In caso di guerra nucleare, la Russia potrebbe distruggere tutti i Paesi della Nato in mezz’ora», aveva detto non più tardi di qualche mese fa. Rogozin è una delle figure chiavi intorno a Vladimir Putin. È stato vice Primo Ministro della Difesa dal 2011 al 2019, ambasciatore della Federazione Russa presso la Nato dal 2008 al 2011 e anche leader del partito politico Rodina. «La Nato sta conducendo una guerra contro di noi. Non l’hanno annunciato, ma questo non cambia nulla». Poi a proposito del missile Satan-2 aveva spiegato: «Può distruggere mezza costa di qualche grande continente che potrebbe infastidirci a causa della sua politica aggressiva».

Ultimo aggiornamento: 16 Giugno, 08:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA