Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, russi rubano oro dal museo di Melitopol: «Si comportano come i nazisti»

Sabato 30 Aprile 2022
Ucraina, russi rubano oro dal museo di Melitopol: «Si comportano come i nazisti»

I russi hanno rubato dal Museo delle tradizioni locali di Melitopol, città nell'Ucraina meridionale, l'oro scita scoperto dagli archeologi negli anni '50. La notizia è stata diffusa da Melitopol.City, con riferimento al servizio stampa della Zaporozhye OVA. «Abbiamo appreso che i soldati russi hanno saccheggiato il museo di storia regionale di Melitopol. I collaboratori hanno mostrato ai russi dove era conservato l'oro scitico scoperto dagli archeologi negli anni '50». A febbraio, l'amministrazione comunale e il personale del museo avevano nascosto una collezione di oro scita. E per tutto questo tempo i russi l'hanno cercata, conducendo azioni operative e investigative.

Gioielli nel cappotto tra i pacchi provenienti dall'Italia, Kiev li rende al proprietario: scatta la ricerca sui social

Russi rubano oro dal museo, il secondo tentativo

Questo è il secondo tentativo da parte dei russi di appropriarsi della collezione Melitopol di oro scita. Il primo fu in epoca sovietica, quando gli archeologi avevano appena inventato il più grande tumulo scitico tra gli edifici urbani di Melitopol. Nel 1954, a Melitopol, vicino a Yurovka, fu scoperto per caso uno dei più grandi tumuli sciti in Ucraina: un uomo del posto stava scavando un pozzo e cadde in una prigione. Gli oggetti d'oro trovati nel tumulo - monete e gioielli - erano unici. Tra questi ce n'era uno speciale: un torevtika (goffratura) greco-scita d'oro, che raffigura la vita dell'eroe greco Achille. Era un dono degli Sciti dai Greci e il prodotto è ancora considerato uno dei reperti archeologici più preziosi in Ucraina. Fortunatamente, l'originale è conservato nel Museo dei tesori storici dell'Ucraina.

Le reazioni social degli ucraini

«Gli invasori razzisti si comportano come barbari e in modo abbastanza uniforme come nella seconda guerra mondiale. Poi hanno saccheggiato la Germania e portato via quadri e oggetti d'arte. Ora hanno derubato l'oro scita del IV sec. A.C. a #Melitopol. Nazione ladra!», dichiara una cittadina ucraina su Twitter.

Ultimo aggiornamento: 1 Maggio, 10:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA