Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russia, come è cambiata la vita dall'inizio della guerra? Niente internet né carte di credito, e poi i negozi chiusi

Lunedì 23 Maggio 2022 di Cristiana Mangani
Russia, come è cambiata la vita dall'inizio della guerra? Niente internet né carte di credito, negozi chiusi

Da questa mattina i cittadini russi non avranno più McDonald's: una decisione presa già nelle scorse settimane ma che ora si è concretizzata. E questo è solo l'ultimo di una serie di abbandoni che stanno stravolgendo la vita della popolazione. Quando Vladimir Putin ha annunciato l'invasione dell'Ucraina, la guerra sembrava lontana dal territorio russo. Eppure in pochissimo tempo il conflitto si è imposto anche localmente ed è tornato a casa non a colpi di missili e di mortai, ma a colpi di sanzioni. Una raffica di sanzioni senza precedenti, estese da quasi tutti i governi occidentali e dalle stesse società internazionali che operavano finora sul territorio.

Russia, così è cambiata la vita

 

Certo, non si può dire che questa grande fuga da Mosca non stia costando gravi perdite per tutti. Però, avere le comunicazioni social interdette, Netflix, Shell, Ikea, Lego, Toyota e moltissime altre ormai lontane dalla Russia, a tre mesi dall'invasione del 24 febbraio, e con una guerra che si annuncia lunga, è un duro colpo economico e sociale. I vasti centri commerciali di Mosca si sono trasformati in inquietanti distese di vetrine chiuse un tempo occupate dai marchi occidentali. McDonald's - la cui apertura in Russia nel 1990 è stata un fenomeno culturale - si è ritirata completamente dopo l'invasione dell'Ucraina. Ikea, simbolo internazionale dei comfort moderni a prezzi accessibili ha chiuso tutto, con decine di migliaia di posti di lavoro una volta sicuri, ora svaniti.

“Z", il simbolo dell'invasione russa colpisce le aziende: da Zulip ai gioielli di Louis Vuitton, è gogna sui social

 

 I principali attori industriali tra cui i giganti del petrolio Bp e Shell e la casa automobilistica Renault se ne sono andati, nonostante i loro enormi investimenti nella zona. Shell ha stimato che perderà circa 5 miliardi di dollari con l'abbandono dei suoi suoi asset russi. E mentre le multinazionali continuano ad andare via, scappano dal Paese anche migliaia di russi che hanno i mezzi economici per farlo, spaventati dalle aspre mosse del governo e dal totalitarismo sempre più imperante. Tra questi, anche molti giovani: hanno lasciato la Russia per il timore di ritrovarsi in guerra. Anche perché molti soldati di leva sono stati inviati al fronte senza alcuna esperienza ed è probabile che se il conflitto continuerà a protrarsi il Cremlino possa decidere di imporre nuovamente la leva obbligatoria per alimentare la sua macchina da guerra.

Ucraina, Coca-Cola e Starbucks alla fine si arrendono: chiuse tutte le attività in Russia. McDonald's mette il lucchetto a 850 store

 

Anche fuggire è diventato impossibile, certamente molto più di un tempo. Infatti, le 27 nazioni dell'Unione Europea, insieme a Stati Uniti e Canada, hanno già vietato i voli da e per la Russia. La capitale estone Tallinn, che era facilissima da raggiungere anche per un weekend, visto che il volo dura 90 minuti da Mosca,  ha cambiato rotta e i suoi aerei che ora passano per Istanbul, impiegano 12 ore per arrivare. E non c'è Rete che tenga, perché sono ridotti i collegamenti con Internet e con i social media. A marzo scorso la Russia ha bandito Facebook e Instagram, sebbene questo divieto si possa aggirare utilizzando le Vpn, e ha chiuso l'accesso ai siti web dei media stranieri, tra cui la Bbc, Voice of America e Radio free Europe/Radio Liberty finanziati dal governo degli Stati Uniti, oltre all'emittente tedesca Deutsche Welle.

 

Da mesi le stesse scene si vedono anche negli uffici: Hp, Ibm, Intel, Lenovo, Microsoft, hanno detto addio. E se si rompe il toner di una stampante, oppure, Dio non voglia, un computer, non ci sono ricambi. Sin da marzo, sulle vetrine del grande negozio della Nike dietro la piazza Rossa è apparsa una scritta dal significato minaccioso: «Fino ad esaurimento scorte». Abbigliamento, racchette, scarpe da basket, tutto. Finché ce n’è, si vende, a prezzo raddoppiato. Quando finisce, se ne riparla chissà quando. Alle casse, infatti, non prendono ordini o prenotazioni. Il look, al quale i ragazzi benestanti di città prestavano una attenzione estrema, non è più possibile da seguire. Da H&M e Zara a Uniqlo, hanno già tutti salutato. Apple ha cessato le vendite. Non si comprano più iPhone, Macbook, e i pezzi di ricambio anche non originali per le riparazioni sono saliti alle stelle.

 

E a questo elenco lunghissimo si aggiunge una propaganda “bugiarda” che non aiuta a conoscere la verità. C'è, però, chi continua a dire che in Russia i cittadini sono abituati a fare sacrifici, che non tutta la Russia è Mosca. Ma quando è impossibile acquistare con carta di credito o, persino, passare i tornelli della metropolitana perché gli abbonamenti non funzionano più, la questione si fa ogni giorno più difficile da sopportare.

 

Ultimo aggiornamento: 24 Maggio, 09:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA