Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russia: nuovi dettagli sulla «morte sospetta» di Konoplev, progettista delle armi di Putin

Venerdì 12 Agosto 2022 di Mattia Ronsisvalle
Russia: nuovi dettagli sulla «morte sospetta» di Konoplev, progettista delle armi di Putin

Dmtry Konoplev, uno dei migliori progettisti di armi di Vladimir Putin, è morto in circostanze misteriose mentre «si sottoponeva a un trattamento per combattere disturbi d'ansia e depressione». I media inglesi e ucraini non sembrerebbero troppo convinti dalla versione rilasciata dal Ministero della Difesa lo scorso 23 luglio.

Nato il 12 settembre 1976 nella città di Gubakha, nel territorio di Perm' in Russia, Dmitry Konoplev era a capo dell'ufficio di progettazione degli strumenti di Difesa Shipunov, responsabile del letale sistema missilistico Pantsir utilizzato nella guerra in Ucraina: in totale, l'organizzazione ha disposto oltre 150 armi ed equipaggiamenti militari per l'utilizzo dell'esercito russo.
In precedenza, Konoplev era stato vicedirettore dell'Agenzia federale russa per la fornitura di armi, attrezzature militari e materiali speciali. L'uomo è morto durante una sessione di xenoterapia presso la clinica Xeospa di Mosca.
La xenoterapia si basa sull'inalazione di gas inerte xeno, che aiuta a liberarsi di malattie mentali, neurologiche e somatiche.
Nella procedura di inalazione, il paziente respira il gas indicato attraverso una maschera. La prematura scomparsa dell’ingegnere russo è avvenuta nel bel mezzo della terapia: l’uomo avrebbe assunto lo xeno per curare «forti emicranie e un disturbo d’ansia», secondo quanto riportato dai media russi e da 112 – il principale canale Telegram russo di cronaca nera et simili. E non è un caso che fonti russe abbiano riportato che «con la guerra scatenata da Putin in Ucraina, Konoplev avrebbe sofferto di ansia e mal di testa».
Ad oggi i medici russi non sono ancora in grado di determinare la causa della morte di Konoplev anche se la stampa russa parla di «un’insufficienza cardiaca acuta».
Benché non ci siano state dichiarazioni ufficiali sulle cause del decesso, Alexey Dyumin - ex guardia del corpo di Putin e governatore della regione di Tula, dove ha sede l'ufficio di progettazione di armi più importante in Russia – ha dichiarato che «Konoplev ha fatto molto per l'industria della Difesa del Paese, dando un grande contributo, ma il suo momento era arrivato e non si è potuto fare altro».

La teoria da brividi

C’è però un dettaglio, una crepa su cui la stampa estera sta ponendo l’accento. Ma facciamo un passo indietro.
Nel 2014 l’Agenzia mondiale antidoping (Ama) equiparò l’inalazione di xeno ed argon al doping. Anno in cui nelle Olimpiadi invernali la Germania accusò la Russia di aver utilizzato inalazioni allo xeno per migliorare le performance degli atleti. I russi, dal canto loro, fecero notare che questo gas nobile non era inserito nell’elenco dei prodotti dopanti. Mesi dopo, ad agosto, xeno ed argon entreranno di fatto nella lista degli agenti stimolanti che migliorano l’afflusso di ossigeno nel sangue. Questo dopo che fu provato che l’inalazione di tale elemento chimico favorisce la produzione di eritropoietina (Epo) nel sangue, la quale a sua volta migliora lo sviluppo dei globuli rossi, avendo un effetto diretto sulle prestazioni degli sportivi.

Oltre ad esser stato riconosciuto come prodotto dopante, lo xeno ha anche altri effetti sulla salute, come la morte. Se inalato in concentrazione eccessive, il gas può provocare stordimento, nausea, vomito, perdita della coscienza e morte. La morte può derivare da errori di giudizio, confusione, o perdita di coscienza che impediscono l'auto-salvazione. A bassi livelli di ossigeno, perdita di coscienza e morte possono verificarsi in pochi secondi senza avvertimento. L'effetto dei gas asfissianti semplici è proporzionale nella misura in cui diminuisce la quantità (pressione parziale) di ossigeno nell'aria respirata. L'ossigeno può essere ridotto al 75% della sua percentuale normale in aria prima che si sviluppino sintomi apprezzabili. Ciò a sua volta richiede la presenza di una sostanza asfissiante semplice in una concentrazione pari al 33% nella miscela di aria e gas. Quando la sostanza asfissiante semplice raggiunge una concentrazione del 50%, possono manifestarsi gravi sintomi. Una concentrazione del 75% è in pochi minuti mortale.
Che Putin abbia deciso di eliminare uno dei suoi uomini più fidati per i risultati ottenuti nel conflitto russo-ucraino? Tale domanda resta una supposizione mentre si cerca di capire ancora quale sia la verità legata alla morte di Dmtry Kolopev... .

Ultimo aggiornamento: 21:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento