Russia, gli utenti abbandonano Youtube e migrano sulla piattaforma russa «Rutube»

Giovedì 24 Marzo 2022
Russia, gli utenti abbandonano Youtube e migrano sulla piattaforma russa «Rutube»

Continua il Risiko digitale tra la Russia e l'Occidente: questa volta è Youtube la protagonista del cyber-conflitto. La piattaforma di proprietà di Google rischia di non più essere disponibile in Russia e così molti utenti stanno migrando verso i lidi digitali della controparte russa: Rutube.

Venerdì scorso, il Roskomnadzor, ossia l'organo federale per la supervisione nella sfera della connessione e della comunicazione di massa, ha chiesto a Google di prendere provvedimenti contro alcune pubblicità anti-russe che girano su YouTube. 

«Le azioni dell'amministrazione di YouTube sono di natura terroristica e minacciano la vita e la salute dei cittadini russi» - ha detto in merito il Roskomnadzor che poi prosegue: «Ci opponiamo a tali campagne pubblicitarie e chiediamo che Google smetta di trasmettere video anti-Russia».

Molti utenti russi hanno così deciso di migrare verso Rutube tanto che il Ministero dello sviluppo digitale russo sta lavorando sulla possibilità di verificare un account sulla piattaforma russa tramite Gosuslugi, il portale Internet della federazione russa che fornisce alle persone fisiche e giuridiche l'accesso alle informazioni sui servizi statali e municipali forniti in Russia.

LEGGI ANCHE Russia, la programmazione dei cinema diventa «strumento di propaganda»

Nella nota ministeriale si legge che: «Il Ministero dello sviluppo digitale sta lavorando per fornire agli utenti della piattaforma Rutube l'opportunità di verificare il proprio account attraverso i servizi statali».
Il Ministero rileva che gli utenti e gli autori di contenuti possono registrarsi alla piattaforma nel modo consueto e verificare l'account compilando un questionario nel proprio account personale.
Ciò consentirà agli utenti di pubblicare video senza limiti  di lunghezza e senza intoppi, oltre a impedire il caricamento di contenuti inappropriati.
«Solo le persone fisiche - sottolinea il Mi.s.d - possono essere verificate tramite i Servizi dello Stato. La piattaforma di video hosting riceverà solo informazioni sulla conferma della verifica senza i dati personali dei cittadini».

Video

Ma che cos'è Rutube?
RuTube è un sito web russo di video sharing. Ha una media di circa 30 milioni di utenti e conta oltre 168 milioni di visualizzazioni per i suoi contenuti. Trasmette varie decine di canali TV e radio on-line. Inoltre, fornisce ai suoi utenti la possibilità di creare video blog personali e canali virtuali.

Nell'ultima settimana, Rutube sta facendo passi da gigante in termini di crescita.

Sono 450mila circa gli utenti che ogni giorno navigano sulla piattaforma russa. 
Ma anche con un tale aumento del pubblico, la piattaforma funzionerà in modo stabile grazie a aggiornamenti tempestivi e un aumento delle attrezzature tecniche, come spiega Alexander Zharov, Ceo della holding Gazprom-Media: «La piattaforma Rutube è stata completamente riscritta nel 2021. L'interfaccia utente è stata migliorata, i contenuti e le politiche pubblicitarie sono state riviste e, per questo motivo, siamo cresciuti di quattro volte e, a metà febbraio 2022, l'audience mensile era di 11.6 milioni di utenti».

Le dichiarazioni di Zharov arrivano dopo un'importante riunione con il Comitato della Duma di Stato per la politica dell'informazione, la tecnologia dell'informazione e le comunicazioni.
 

Il Ceo di Gazprom-Media ha dunque fornito all'informazione russa un bilancio sulla situazione attuale:
«Nell'ultimo mese la situazione è cambiata radicalmente: YouTube sta funzionando, ma nonostante ciò gli utenti dei social network già chiusi Facebook e Instagram hanno iniziato ad avvicinarsi alla piattaforma (Rutube ndr.), e si è passati da 150 a 450mila utenti al giorno. I download dei video sono passati da 3mila a 40mila unità. Ora il servizio è in fase di finalizzazione, il prossimo aggiornamento della piattaforma Rutube avverrà ad aprile».

Ultimo aggiornamento: 27 Marzo, 17:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA