Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rayan è morto, il bimbo caduto nel pozzo in Marocco estratto dopo 100 ore. «Ha lottato fino all’ultimo»

Sabato 5 Febbraio 2022
Rayan è morto, il bimbo caduto nel pozzo in Marocco estratto dopo 100 ore. «Ha lottato fino all ultimo»

Un grido si alza intorno al cratere di terra rossa quando ieri sera, intorno alle nove e mezzo, i soccorritori con i gilet gialli si allargano per lasciar passare una piccola lettiga coperta da un lenzuolo bianco. Dopo quasi cento ore passate in fondo a un pozzo, a 32 metri sotto terra, il piccolo Rayan è stato riportato all’aria, ai suoi genitori che lo aspettavano accanto all’ambulanza. Ma è troppo tardi: Rayan Oram ha lottato fino all’ultimo ma non ce l’ha fatta. Il re Mohammed VI è stato il primo a parlare con Khaled Oram e sua moglie Wassima: nonostante tutti i mezzi messi a disposizione, non c’è stato niente da fare: la caduta, le ferite, i giorni senza cibo. La folla che da martedì sera si era accalcata intorno a quel buco, aveva lasciato esplodere un grido liberatorio, quando le fotoelettriche avevano rischiarato l’uscita degli uomini dal quel cratere, facendo largo al lettino. Dal clamore del momento, per diversi minuti non sono filtrate informazioni sulle condizioni di Rayan. Poi l’annuncio. La disperazione. 

LA SPERANZA

Ieri sera, al tramonto, quando si erano riaccese le luci per la quinta notte, mancavano solo 70 centimetri. Là sotto, a 32 metri di profondità, il piccolo Rayan continuava a respirare, così assicuravano tutti, fuori, sul bordo di un cratere aperto per tirarlo in salvo da quel pozzo, la folla continuava a pregare Allah. Da martedì, ora dopo ora, sono stati milioni gli occhi che hanno seguito la corsa contro il tempo per riportare alla luce il piccolo di 5 anni. Gli ultimi due metri di terra, ieri pomeriggio, li ha tolti Ali con le sue mani. Era arrivato da solo, da lontano, da Erfoud, a sud, perché era convinto di poter fare meglio dei tecnici che da quattro giorni erano al lavoro nel cratere aperto sulle pendici montagnose del Rif, vicino a Bab Berred, nel nord del Marocco.

Perché nei pozzi Ali ci passa la vita, è il suo lavoro da quando è un ragazzino: scavarli, assicurarne la manutenzione. Così ieri, con una maglietta nera e un berretto con visiera, è sceso la sotto, e ha guidato lui la squadra centimetro dopo centimetro, fino ad arrivare a poco più di mezzo metro da Rayan. Il piccolo era lì accovacciato da martedì mattina. Ci era caduto dentro mentre giocava, ingoiato da un pozzo asciutto, vicino alla casa di famiglia, nel villaggio di Tamrout. Sopra, su un altopiano di rocce rosse, la folla ha continuato a crescere, ad accalcarsi, a gridare a ogni manovra della ruspa, mentre le donne, da una parte, hanno preparato senza sosta da mangiare per rifocillare i soccorritori. 

Ryan come Alfredino, caduto nel pozzo a 5 anni: terza notte di scavi, corsa contro il tempo per salvarlo

ULTIMO TENTATIVO

L’ultima fase dell’operazione è cominciata venerdì, quando si è concluso lo scavo della voragine parallela al pozzo. Come a Vermicino, 41 anni fa: quando si tentò disperatamente di salvare Alfredino Rampi. Ma con Rayan le cose sarebbero andate diversamente, perché lui continuava a dare segni di vita. Fino a ieri mattina, quando, con voce flebile, ha risposto al papà. «Lo sento – ha detto Khaled – ma respira a fatica». In questi giorni, Rayan aveva continuato a ricevere ossigeno e acqua dall’alto, ma i soccorritori dicevano a mezza voce che non erano sicuri che riuscisse a bere. Ieri è apparso subito chiaro che non c’era più tempo: è partito lo scavo del corridoio orizzontale, sei metri di terra ma anche strati di rocce, che hanno opposto resistenza alle trivelle.

È stato necessario fermarsi, introdurre un tubo per consolidare l’accesso fino al piccolo e poi la via d’uscita. A metà giornata, quando si moltiplicavano le voci e le smentite (“è morto”, “no, lo hanno preso”, “ha lesioni gravi non riescono a portarlo in superficie”) il capo della squadra dei soccorsi Murad al Jazouli, era venuto fuori per dire davanti alle telecamere «È vivo, e lo tireremo fuori». Le ultime immagini inviate da una mini-telecamera calata in fondo al pozzo, mostravano Rayan accovacciato su un lato. «Difficile dire da qui quali siano le sue condizioni – aveva detto un soccorritore – ma vogliamo essere ottimisti». Ieri, quando il freddo ha cominciato a scendere di nuovo, insieme alla notte, davanti alla bocca del cratere è arrivata un’ambulanza. Con gli ultimi tecnici si sono calati sotto terra anche due medici, un anestesista e un rianimatore. Non hanno potuto fare niente. 
 

 

Ultimo aggiornamento: 7 Febbraio, 07:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA