Soldati russi danneggiano i loro carri armati in Ucraina. Le intercettazioni: «Mi rifiuto di obbedire»

Sabato 7 Maggio 2022 di Michela Allegri
Ucraina, soldati russi danneggiano i loro carri armati. Le intercettazioni: «Mi rifiuto di obbedire»

Un’azione di autosabotaggio delle truppe russe in Ucraina, per danneggiare deliberatamente il proprio equipaggiamento e ostacolare i piani del presidente russo, Vladimir Putin. Sembra emergere dalle intercettazioni delle telefonate dei militari di Mosca fatte dal Servizio di sicurezza dell’Ucraina: i combattenti stranieri si scambiavano suggerimenti su come mettere fuori uso armi e veicoli. Le storie sono disparate, secondo quanto emerge da fonti di Kiev.

 

Russia, esercito in difficoltà: il miglior carro armato distrutto pochi giorni dopo essere arrivato

Russia in crisi, Mosca sta finendo i missili. E i generali russi temono di diventare il capro espiatorio

 

Un soldato russo, per esempio, avrebbe raccontato di aver versato sabbia nei sistemi di alimentazione dei carri armati, in modo da renderli inutilizzabili. «Non seguo ordini stupidi, semplicemente mi rifiuto - avrebbe infatti detto - Ho rovinato tutto e basta». Quando il commilitone russo che era dall’altra parte della linea ha saputo che l’unità non era stata punita per insubordinazione, ha pensato di poter utilizzare la stessa tattica, esponendola ai colleghi d’armi. Un altro soldato ha raccontato alla famiglia che lui e i suoi compagni avevano danneggiato un carro armato, l’ultimo rimasto nel loro reggimento, per interferire con un piano di attacco: «Abbiamo un solo carro armato rimasto nel reggimento. In breve, abbiamo rotto noi il serbatoio al mattino, per non andare».

 

 

 


Le conversazioni captate dal Servizio di sicurezza dell’Ucraina sembrano fornire una nuova interpretazione dell’andamento della guerra, a partire dalla mancata presa di Kiev e dal fallimento del piano di Putin di chiudere gli scontri in pochi giorni. I combattimenti proseguono in modo incessante ormai dal 24 febbraio. Si è parlato di problemi logistici delle truppe russe, di mancanza di organizzazione e di pianificazione, e di sottovalutazione degli avversari. Alcuni funzionari statunitensi sostengono che, in realtà, nel bilancio andrebbe inserita anche una cattiva esecuzione dei piani, con alcuni militari decisi a disobbedire agli ordini. Ci sono diverse immagini arrivate dall’Ucraina che immortalano i soldati russi stanchi e demotivati, mentre abbandonano armi e carri armati. Dopo queste notizie, il governo ucraino ha incoraggiato altre truppe russe a rifiutarsi di attaccare, invitando i combattenti ad lasciare il campo: «La situazione può migliorare, basta arrendersi e finire la guerra in Ucraina!». La resistenza del popolo di Kiev è stata durissima, fin da primo giorno di assedio.

Ultimo aggiornamento: 9 Maggio, 12:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA