Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il giornalista russo Solovyov spara a zero sull'Italia e Draghi: ​«Non lo ha eletto nessuno»

Mercoledì 18 Maggio 2022
Il giornalista russo Solovyov spara a zero sull'Italia e Draghi: «Non lo ha eletto nessuno»

Torna a far parlare di sé il giornalista russo Vladimir Solovyov, ormai conosciuto per essere voce della propaganda del Cremlino e per le sue dichiarazioni choc su possibili bombardamenti nucleari sull'Europa. Nella sua trasmissione su Rossiya 1 «Domenica sera con Vladimir Solovyov» il giornalista ha attaccato duramente l'Italia, parlando dell'espulsione dei diplomatici italiani dalla Russia oltre che francesi e spagnoli. 

 

Putin è malato? La sindrome delle "gambe senza riposo" e quello strano movimento del piede

 

Le accuse a Draghi «È rintanato al governo»

Solovyov , che è anche titolare di alcune ville sul lago di Como ora sequestrate, si è scagliato contro Mario Draghi,  dicendo che «è rintanato al governo» e che ha dimenticato gli aiuti che la Russia fornì all'Italia durante la pandemia per Covid. E poi ha continuato le sue polemiche: «Super Mario, Mario Draghi, il Premier che nessuno ha eletto, capisce davvero quello che pensano gli italiani? O come spesso accade, non importa a nessuno?». Infine ha ripreso i temi tipici della propaganda anti-occidentale: «Perché ora l'Europa è governata da persone che  in pratica non sono state elette da nessuno».

 

Soldato russo ha «stuprato una ragazza dopo aver chiuso la famiglia in uno scantinato»

 

Si tratta del secondo attacco del giornalista contro l'Italia. Pochi giorni fa infatti nella sua trasmissione aveva accusato di incoerenza la politica energetica italiana: «Mi sono piaciuti gli italiani quando l'Eni ha detto, 'Noi, rubli? No, no, no, no, no, no (in italiano), dimenticatevelo. Non accadrà mai. Dimentica tutto (in italiano, ndr). Non osate dirci una cosa simile. E poi all'improvviso, o la la, dove possiamo aprire un conto? Rubli, siamo pronti. Come da istruzioni Ue. E poi immediatamente, va tutto bene».

Ultimo aggiornamento: 19 Maggio, 09:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA