Streptococco A, un altro bimbo morto in Gran Bretagna: è la settima vittima. Sintomi e contagiosità: ecco quando preoccuparsi

Migliaia di bambini resteranno a casa da scuola. Tosse, starnuti, cantare e parlare possono diffondere goccioline respiratorie da una persona infetta a qualcuno nelle vicinanze

Streptococco A, un altro bimbo morto in Gran Bretagna: è la settima vittima. Sintomi e contagiosità: ecco quando preoccuparsi
Domenica 4 Dicembre 2022, 08:53 - Ultimo agg. 09:35
4 Minuti di Lettura

Cresce sempre di più l'allarme per la diffusione dello streptococco A in Gran Bretagna. Migliaia di bambini potrebbero essere tenuti fuori dalla scuola questa settimana dopo che il batterio ha ucciso 7 bimbi, l'ultimo è un 12enne che frequentava la scuola media.  I genitori dei bambini nelle scuole in cui gli alunni sono morti di Streptococcp A, che può causare la scarlattina e malattie più gravi, hanno già promesso di tenere i loro figli e figlie a casa. E molti altri potrebbero seguire l'esempio, anche nelle scuole senza infezioni confermate. Nelle ultime settimane, sette bambini in età scolare sono morti per complicazioni dopo aver contratto lo Streptococco A, un batterio relativamente comune che di solito causa solo sintomi lievi come mal di gola.

Streptococco A, sei bimbi morti in Gran Bretagna. Il padre di Camila: «Se vostro figlio ha questi sintomi, portatelo in ospedale»

Migliaia di bambini non andranno a scuola


Uno di coloro che sono morti era un bambino di sei anni, alla Ashford Church of England Primary School nel Surrey. La scorsa settimana gli insegnanti della vicina Echelford Primary School, sempre ad Ashford, hanno scritto ai genitori confermando che due bambini erano stati infettati. Hanno affermato di essere stati informati dall'Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) che "i bambini dovrebbero continuare a frequentare la scuola normalmente e i genitori/tutori non dovrebbero essere eccessivamente allarmati". Hanno aggiunto: "Vorremmo ribadire che se tutto va bene, è sicuro che i bambini frequentino la scuola normalmente". Ma i genitori hanno detto di essere così preoccupati per il batterio, che può essere diffuso facilmente, che terranno i bambini a casa casa. L'UKHSA ha affermato ieri sera che spetta alle squadre di protezione sanitaria locale decidere se i genitori dei bambini nelle scuole in cui sono state confermate infezioni debbano essere avvisati di tenerli a casa. Queste squadre prenderebbero la decisione "caso per caso", ha detto un portavoce. Nessuna scuola colpita ha ancora affermato che i bambini sani dovrebbero restare a casa.

 

Sintomi e contagiosità

Secondo le informazioni pubblicate da UKHSA, i bambini con la scarlattina, dove lo streptococco A provoca un'eruzione cutanea simile alla carta vetrata, dovrebbero essere tenuti a casa. “La scarlattina è altamente contagiosa e si diffonde a stretto contatto con qualcuno che porta il batterio. Tosse, starnuti, cantare e parlare possono diffondere goccioline respiratorie da una persona infetta a qualcuno nelle vicinanze. Posso anche contaminare le mani, gli utensili per mangiare e bere, i giocattoli o altri oggetti”. E conclude: “Si raccomanda l’esclusione [dalla scuola]”.
Ma non ci sono consigli sul fatto che i bambini con mal di gola - che è potenzialmente un segnale di allarme precoce di Streptococco A ma potrebbe solo significare un raffreddore - debbano essere tenuti a casa. Parlando ieri al programma Today di BBC Radio 4, la pediatra di malattie infettive, la professoressa Beate Kampmann, ha affermato che lo streptococco A ha causato «un'infezione asintomatica nella maggior parte delle persone, poi c'è mal di gola, poi scarlattina e in una piccolissima minoranza ci sarà essere uno Streptococco A invasivo». Ha detto che i bambini con la febbre dovrebbero essere tenuti fuori dalla scuola. «Inizia con febbre alta, molto mal di gola e lingua molto rossa. .. alla fine sviluppando un'eruzione cutanea che sembra un po 'carta vetrata. 'L'eruzione inizia nei gomiti e dietro il collo. Tende poi a sbucciarsi dopo una decina di giorni». La maggior parte dei bambini si riprenderà da sola, ma se un bambino si deteriora in modo tale da «non mangiare o bere i genitori dovrebbero chiamare il 111 o un medico», ha detto. Gli antibiotici aiutano quasi sempre a eliminare l'infezione se somministrati abbastanza presto». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA