Stupri in Ucraina, per i soldati russi «tacito consenso dalle autorità». La denuncia dell'Ong britannica

Donne struprate in Ucraina, per i soldati russi «tacito consenso dalle autorità». La denuncia dell'Ong britannica
Donne struprate in Ucraina, per i soldati russi «tacito consenso dalle autorità». La denuncia dell'Ong britannica
Domenica 24 Aprile 2022, 13:59 - Ultimo agg. 18:34
4 Minuti di Lettura

Orrore su orrore in Ucraina. I soldati russi hanno ricevuto un «tacito consenso» a violentare civili durante l'invasione. Lo ha rivelato a Sky un dirigente britannico dell'organizzazione per i diritti umani "Baroness Kennedy of The Shaws", che è parte della task force impiegata per ricostruire i casi di presunti crimini di guerra in Ucraina, secondo cui esistono evidenze di questi atti commessi dalle truppe russe.

Putin promuove il "macellaio di Bucha": l'ufficiale russo Omurbekov accusato di massacri e stupri

Soldati russi e "immunità" per gli stupri

Il dirigente ha dichiarato che ai soldati è concessa una sorta di "immunità" poiché nessuno sarà punito per questo tipo di crimini. «Sarà molto difficile incriminare per questi reati le persone che li hanno commessi», ha aggiunto.

 

La denuncia

La battaglia in Ucraina, è anche per le strade, nelle case e nei rifugi dove sono rimaste le mamme con i loro bambini e le giovani con il compagno in guerra. «Donne ucraine stuprate e uccise dai soldati», era stata la denuncia a fine marzo di Olha Stefanishyna. Era stata lei, donna numero due del governo di Kiev a 36 anni, a dare voce alla violenza che si accanisce sui più vulnerabili. Fino a ora si trattava di frammenti di racconti, storie raccolte tra le macerie. Era toccato alla vicepremier dell’Ucraina tirarle fuori dal buio e mostrarle al mondo. Ribadendo l’accusa di genocidio che la Russia starebbe perpetrando nei confronti della popolazione ucraina, Olha Stefanishyna parla di «storie orribili di donne violentate per ore e poi assassinate» dai militari di Mosca.

Impiccate

Le violenze dei soldati russi sulle donne sono brutali e a portarle nel cuore dell’occidente sono quattro deputate ucraine giunte nei giorni scorsi a Londra e in visita a Westminster. Lesia Vasylenko, parlamentare del partito di opposizione Holos, ha raccontato come le forze russe stiano aggredendo, stuprando e anche impiccando donne che non riescono a fuggire dall’invasione. Alcune, per la disperazione, vengono spinte al suicidio. Accade a Kiev e nelle sue periferie di Bucha e Irpin. «Molte di loro sono state assassinate dopo essere state stuprate oppure si sono tolte la vita - racconta la deputata Maria Mezentseva - Il problema principale è che le vittime e le famiglie non hanno la forza e la capacità di farsi avanti e denunciare. Alcune delle donne stuprate sono anche state impiccate. E questi sono fatti che stiamo raccogliendo come prove di crimini di guerra». Pochi giorni fa due premi Nobel per la pace avevano rivolto un appello per vigilare affinché le donne non fossero preda di abusi. «In ogni conflitto le ragazze e le donne sono le prime vittime, poiché lo sfollamento forzato le porta alla miseria, alla disperazione, all’insicurezza e le espone alla violenza sessuale», hanno rimarcato l’attivista irachena Nadia Murad e il medico congolese Denis Mukwege. Un appello caduto nel vuoto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA