Studentessa si lancia da un aereo e muore: «Reazione psicotica dovuta a un farmaco»

Lunedì 9 Novembre 2020 di Marta Ferraro
Medico legale rivela che la studentessa di Cambridge sia saltata dall'aereo a causa di una reazione psicotica dovuta a un farmaco

Tom Osborne, medico legale della città britannica di Milton Keynes, dopo aver analizzato la tragica morte di Alana Cutland - che ha aperto il portellone dell'aereo in volo ed è saltata nel vuoto alla fine di luglio dello scorso anno in Madagascar - ha dichiarato nella sua relazione, che «si ritiene» che la giovane donna «abbia subito un evento psicotico/delirio che ha provocato il suo comportamento causandone il decesso».

Lo specialista, inoltre, ha affermato che è «abbastanza evidente» che la studentessa diciannovenne di Cambridge «ha avuto una reazione psicotica dovuta al farmaco antimalarico doxiciclina», che aveva preso e nel cui foglietto illustrativo non c'erano informazioni che evidenziassero la possibilità di effetti collaterali.

«Se lei o i suoi genitori fossero stati consapevoli di questo possibile effetto collaterale, è plausibile supporre che sarebbero potuti intervenire prima per prevenirne la sua morte», ha aggiunto il medico legale.

I genitori della studentessa, Neil e Alison Cutland, nelle dichiarazioni rilasciate alla BBC, hanno affermato che è tragico che la sua morte sia stata «essenzialmente causata dagli effetti collaterali della doxiciclina». Inoltre, hanno notato di essere «sorpresi di scoprire che un effetto collaterale così grave non è documentato».

Da parte sua, la Medicines and Health Products Regulatory Agency ha commentato che stava raccogliendo «informazioni aggiuntive e rivedendo la presunta associazione tra disturbo psicotico e doxiciclina», che è stata autorizzata come farmaco contro la malaria più di 50 anni fa. 

«Il nostro comitato di esperti indipendenti ha riferito che le prove disponibili sono attualmente insufficienti per supportare un'associazione causale e ci ha chiesto di raccogliere ulteriori informazioni», ha detto una portavoce dell'Mhra.

Alana Cutland, una studentessa di biologia del secondo anno, si era recata in Madagascar per studiare una specie di granchio, pagando lei stessa il viaggio. Tuttavia, mentre era sull'isola, ha iniziato a soffrire di ansia e ha subito cinque attacchi di parico. I suoi genitori hanno organizzato il ritorno a casa della figlia e per questo hanno noleggiato un aereo leggero per permetterle di rientrare nel Regno Unito.

Quando l'aereo aveva raggiunto un'altitudine stabile di circa 1.500 metri, Cutland si è slacciata la cintura di sicurezza e ha aperto la portiera laterale destra dell'aereo con l'intenzione di saltare. Un conoscente della famiglia e il pilota sono riusciti ad afferrarla per le gambe e a trattenerla per circa cinque minuti, ma la giovane alla fine è comunque riuscita a liberarsi ed è caduta nel vuoto.

La famiglia di Alana descrive l'evento come «un tragico incidente» e non un suicidio. «Aveva le allucinazioni, era malata, qualcosa l'ha fatta star male, deve essere stata una reazione a un farmaco», hanno detto in una precedente intervista.

Ultimo aggiornamento: 19:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA