Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Stuprò 13 studentesse nel collegio islamico, insegnante condannato a morte: scoperto dopo che allieva era rimasta incinta

Lunedì 4 Aprile 2022
Stuprò 13 studentesse nel collegio islamico, insegnante condannato a morte: scoperto dopo che allieva era rimasta incinta

Era accusato di aver violentato 13 sue studentesse. Per questo motivo un insegnante indonesiano è stato condannato a morte. Pena commutata dopo che in prima istanza il tribunale lo aveva condannato all'ergastolo.

Mariupol, stuprata a morte davanti al figlio. Bombe sulla Croce Rossa

Stuprò 13 studentesse nel collegio islamico

Il docente, Herry Wirawan, 36 anni, era stato condannato all'ergastolo lo scorso  febbraio. Il  caso aveva attirato l'attenzione nazionale sugli abusi sessuali nelle scuole religiose del Paese. La vicenda era venuta a galla dopo che la famiglia di una studentessa aveva denunciato il docente alla polizia per aver violentato e messo incinta la figlia adolescente.

Dopo la prima condanna, i pubblici ministeri - che avevano chiesto la pena di morte e la castrazione chimica - avevano presentato ricorso. Ricorso accolto e pena inasprita con la condanna a morte. Nel Paese le esecuzioni erano state sospese da anni. Le ultime risalivano al 2016.

Le violenze

Durante il processo, era emerso che le violenze ai danni delle studentesse - molte provenienti da famiglie povere e che frequentavano la scuola con borse di studio - erano state messe in atto da Wirawan per almeno cinque anni. Davanti al tribunale di primo grado, l'imputato aveva chiesto clemenza al giudice: «Voglio crescere i mieri figli», aveva detto.

Ultimo aggiornamento: 20:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA