Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Taiwan, gli Usa insistono: arrivata nell’isola delegazione del Congresso dopo il caso-Pelosi

Lunedì 15 Agosto 2022 di Anna Guaita
Taiwan, gli Usa insistono: arrivata nell isola delegazione del Congresso dopo il caso-Pelosi

Esattamente dodici giorni dopo la visita di Nancy Pelosi, l’isola di Taiwan ha dato ieri il benvenuto a un’altra delegazione politica americana. La presidente Tsai Ing-wen ha salutato i cinque leader Usa - un senatore democratico e quattro deputati bipartisan - ringraziandoli per il «forte sostegno» espresso con la loro presenza. Meno positivi i commenti degli analisti internazionali, che invece temono che il viaggio contribuisca a tenere alta la tensione con la Cina, già arrivata a livelli incandescenti per la missione della Speaker della Camera, la più alta carica del governo federale Usa a fare una puntata ufficiale a Taiwan da 25 anni a questa parte.

Taiwan, Cina schiera altre navi e fa decollare altri jet, ma Taipei riapre al traffico internazionale

PROGRAMMA

Nonostante l’arrivo dei cinque politici americani abbia colto molti di sorpresa, il loro viaggio era in realtà programmato da vari mesi, come peraltro è un altro viaggio di altri deputati che avverrà prima della fine del mese. E anche loro, come prima Pelosi, non hanno voluto cancellare l’appuntamento per non dare l’impressione di indietreggiare davanti alla retorica aggressiva di Pechino. Per di più, i cinque sono impegnati in un viaggio di ampio respiro che comporta visite in altri Paesi dell’area Asia-Pacifico. A Taiwan in particolare il gruppo intende concludere colloqui da tempo iniziati sulle problematiche delle catene di approvvigionamento globali, i cui imbottigliamenti l’anno scorso hanno tanto contribuito all’esplosione dell’inflazione nei Paesi occidentali. Un altro tema aperto è quello dei semiconduttori, di cui Taiwan è uno dei produttori mondiali principali. Gli Usa hanno appena approvato una legge bipartisan per incoraggiare la produzione di chip in territorio nazionale, e i politici sperano di invogliare le industrie taiwanesi a investire in America. Si tratterebbe in teoria di argomenti di normale amministrazione, dello stesso tipo di cui i politici americani discutono a Taiwan da decenni, senza tanto clamore e senza che la Cina si arrabbi. Senonché nella delegazione è presente anche il deputato democratico John Garamendi, uno dei principali interlocutori di Taiwan per l’assistenza militare. Il suo nome non deve essere sfuggito a Pechino, che pur avendo concluso le massicce manovre militari inscenate a ridosso dell’isola per protesta contro la visita di Pelosi, ha spedito nell’area 22 aerei da combattimento e 6 navi militari.  Secondo quanto ha comunicato Taipei le forze cinesi hanno varie volte attraversato la linea mediana che divide le acque territoriali cinesi da quelle di Taiwan.

 

Il Partito Comunista Cinese considera Taiwan parte del suo territorio, nonostante non l’abbia mai controllata politicamente, e ha promesso da tempo di riunire l’isola con la Cina continentale, se necessario con la forza. Ultimamente Pechino ha accusato gli Stati Uniti di aver spronato le forze indipendentiste di Taiwan con la vendita di materiale militare. Secondo gli Usa ha solo scopo difensivo. Gli Stati Uniti continuano ad assicurare – l’ultima volta l’ha detto Joe Biden di persona al presidente Xi Jinping durante la loro conversazione via video – di non volere l’indipendenza di Taiwan, e di considerare ancora valida la politica dell’”Unica Cina”, con cui si riconosce diplomaticamente Pechino e non Taipei. Tuttavia Washington insiste che le divergenze con la Cina dovrebbero essere risolte con mezzi pacifici. Davanti alla nuova mobilitazione militare ieri, Kurt Campbell, un portavoce della Casa Bianca, ha lamentato che «la Cina abbia reagito in modo esagerato e le sue azioni continuino a essere provocatorie, destabilizzanti e senza precedenti». Campbell ha annunciato che anche gli Stati Uniti invieranno navi da guerra e aerei attraverso lo Stretto di Taiwan nelle prossime settimane.

Loading...

Ultimo aggiornamento: 16 Agosto, 15:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA