La tavoletta di Gilgamesh torna in Iraq: vale quasi 2 milioni di dollari ed è tra i testi più antichi al mondo

Mercoledì 8 Dicembre 2021
La tavoletta di Gilgamesh torna in Iraq: vale quasi 2 milioni di dollari ed è tra i testi più antichi al mondo

È stata recuperata dagli Stati Uniti dopo che trenta anni fa era stata saccheggiata da un museo in Iraq. Ieri ha fatto ritorno "a casa" una tavoletta d'argilla risalente a 3.500 anni fa e contenente una parte dell'Epopea di Gilgamesh. La tavoletta vale 1,7 milioni di dollari ed è conosciuta come Gilgamesh Dream Tablet: si tratta di una delle più antiche opere letterarie sopravvissute al mondo e uno dei più antichi testi religiosi. Fu trovato nel 1853 come parte di una collezione di 12 tavolette tra le macerie della biblioteca del re assiro Assur Banipal. La tavoletta è stata trafugata da un museo iracheno durante la Guerra del Golfo del 1991. I funzionari credono che sia stata importata illegalmente negli Stati Uniti nel 2003, poi venduto a Hobby Lobby e infine messo in mostra nel Museo della Bibbia a Washington.

Il primo fantasma disegnato su una tavoletta babilonese di 3500 anni fa

Perù, scoperta mummia di 800 anni "senza volto": legata con corde e mani sul viso

Il caso 

Gli agenti federali della Homeland Security Investigations hanno sequestrato la tavoletta dal museo nel settembre 2019, poi un giudice federale di New York ne ha approvato la confisca nel luglio di quest'anno. Ieri la tavoletta è stata consegnata alle autorità irachene durante una cerimonia presso il Ministero degli Affari Esteri alla presenza dei funzionari dell'Unesco e del ministro degli Esteri iracheno Fuad Hussein e di Hassan Nadhem, ministro iracheno della cultura, del turismo e delle antichità. «Siamo stati in grado di recuperare circa 17.926 manufatti da diversi paesi, vale a dire America, Gran Bretagna, Italia, Giappone e Paesi Bassi», ha detto Hussein.

 

 

Ultimo aggiornamento: 20:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento