Terremoto in Francia, la centrale nucleare chiusa dopo la scossa riaprirà venerdì

Martedì 12 Novembre 2019
Terremoto in Francia, la centrale nucleare chiusa dopo la scossa riaprirà venerdì

Saranno riavviati venerdì i 3 reattori della centrale nucleare di Cruas, nel centro-sud della Francia, fermati ieri per «verifiche approfondite» dopo la forte scossa di terremoto. Lo annuncia un portavoce dell'operatore, EDF. «Le squadre sono al lavoro - ha spiegato - per esaminare tutto l'insieme dei sistemi di sicurezza, e per essere sicuri di poter avere fiducia nei nostri impianti prima di ripartire».

LEGGI ANCHE Terremoto in Francia di 5.0: fermata centrale nucleare, controlli su 3 reattori
 

 

Secondo l'Autorità francese per la sicurezza nucleare (Asn), il terremoto - il più forte in Francia dal 2003 - non ha provocato «danni apparenti» agli edifici della centrale, e l'impianto ha continuato a funzionare normalmente. Ma l'operatore Edf dovrà stabilire quale sia stato «l'impatto» sismico sull'insieme delle installazioni. Per il prefetto Hugues Moutouh, «non è stato constatato alcun danno» dal terremoto che il Centro di osservazione sismica di Strasburgo ha localizzato alle 11:52 «26 chilometri a sud-est di Privas».
 

Secondo il collettivo antinucleare del Vaucluse, dipartimento più a sud dell'Ardeche, l'epicentro è stato localizzato «a meno di 20 chilometri dalla centrale nucleare di Cruas, dove la scossa è stata avvertita nella sala macchine dei reattori, e a 30 chilometri dal sito nucleare del Tricastin». Quest'ultimo impianto, aggiunge il collettivo, «sorge su una faglia sismica attiva ed è il più minaccioso di tutta Europa». Da tempo, gli ecologisti ne chiedono la chiusura.

 

Ultimo aggiornamento: 15:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA