Influencer di TikTok arrestate in Egitto: si vestono e si truccano all'occidentale Foto

Martedì 28 Luglio 2020
Haneen Hossam e Mawada Al-Adham

Mentre in Egitto il vento del movimento #Metoo soffia forte e va avanti, un tribunale egiziano ha condannato cinque ragazze con milioni di fan su TikTok e altri social, solo per avere violato la morale pubblica. La colpa addebitata a queste giovani influencer è stato quello di presentarsi con il volto truccato e in modo impeccabile ma vestite con abiti occidentali e ballare al ritmo di hip hop e, di conseguenza, diffondere modelli troppo occidentali. Un affronto per la cultura più tradizionale islamica.

TikTok verso il bando negli Usa: «Spie comuniste di Pechino»
TikTok, nuova grana. «Limita i video pubblicati dai disabili». L'azienda: misura contro il cyberbullismo
TikTok, 17enne finge tutorial make-up e denuncia i lager in Cina beffando la censura

Il verdetto contro Haneen Hossam, Mowada al-Adham e altre tre giovani è arrivato dopo che, in tempi diversi, hanno postato filmati su TikTok diventati virali. Ora la sentenza può essere impugnata anche se è comprensiva di una ammenda pari a 300.000 sterline egiziane (circa 13 mila euro).

 


La prima ad essere arrestata è stata Hossam. Nel filmato incoraggiava i suoi followers – oltre 1,3 milioni – a fare come lei, soprattutto alle ragazze alle quali spiegava che se diventavano influencer potevano guadagnare denaro. La stessa cosa è capitata subito dopo ad una altra giovane influencer, Adham.

Gli arresti mettono in evidenza, ancora una volta, una cultura profondamente autoritaria e conservatrice e la tendenza in questo paese musulmano ad accettare e garantire una sostanziale libertà alle ragazze. Un contrasto macroscopico tra la cultura patriarcale e l'autonomia delle donne, veicolata alle nuove generazioni anche grazie ai social. Non è la prima volta che l'Egitto prende misure restrittive nei confronti di cantanti e ballerine per i contenuti di filmati postati su social e ritenuti eccessivamente trasgressivi e offensivi per la cultura islamica. 

 

Ultimo aggiornamento: 31 Luglio, 09:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA