Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Trump attacca Biden: «Il presidente non ha il Covid ma la demenza senile»

Domenica 31 Luglio 2022
Trump attacca Biden: «Il presidente non ha il Covid ma la demenza senile»

Le elezioni di metà mandato saranno a novembre, mancano tre mesi ma gli attacchi sono già al veleno negli Stati Uniti. Il presidente democratico Joe Biden è risultato ancora positivo al Covid e Donald Trump approfitta di questa ricaduta di per colpirlo sulle sue condizioni fisiche generali: «I dottori hanno sbagliato la diganosi. Biden non ha di nuovo il Covid, altrimenti detto il virus della Cina, bensì la demenza senile», ha scritto sul suo social media 'Truth' l'ex presidente che è quasi coetaneo dell'attuale inquilino della Casa Bianca.

«Joe sta pensando di trasferirsi part time in una di qulle belle case di riposo del Wisconsin dove quasi il 100% dei residenti, miracolosamente e per la prima volta nella storia, hanno avuto la forza e l'energia di votare, anche se quei voti sono stati espressi illegalmente. Guarisci presto Joe!», ha attaccato Trump ribadendo per l'ennesima volta le accuse di frode alle elezioni del 2019 vinte da Biden.

Capitol Hill, Trump scelse di «non agire». La commissione d'inchiesta: indifendibile, gettò benzina sul fuoco

Joe Biden è infatti di nuovo positivo al Covid, a solo tre giorni dopo aver annunciato di essere guarito dal virus. Il presidente non ha sintomi e quindi non ricomincerà la cura a base di Paxlovid, il farmaco antivirale della Pfizer che negli Stati Uniti viene somministrato ai casi di contagio over 60, ma dovrà comunque tornare in isolamento. 

Il medico personale di Biden ha spiegato che da giovedì il presidente è stato sottoposto ad un test rapido al giorno in quanto in una piccola percentuale di pazienti guariti dal Covid con il farmaco della Pfizer si era verificata una ricaduta. Tra le persone alle quali è accaduto anche l'infettivologo consigliere della Casa Bianca per la pandemia, Anthony Fauci. Nell'ultimo esame, quello effettuato nella tarda mattinata di ieri (sabato 30 luglio, ndr), Biden è risultato di di nuovo positivo.

«Si tratta effettivamente di una ricaduta. Il presidente non ha avuto alcun sintomo e continua a sentirsi abbastanza bene», si legge nella nota del dottor O' Connor. «Per questo non c'è motivo, in questo momento, di ricominciare le cure ma lo terremo sotto osservazione». «Non ho sintomi ma mi isolo per la sicurezza di tutti quelli che mi circondano. Sono ancora al lavoro e presto tornerò in pista», ha scritto su Twitter il presidente che a novembre compirà 80 anni. La Casa Bianca ha avviato le procedure di tracciamento di tutte le persone con le quali il 'commander in chief' è entrato in contatto in questi giorni pur sottolineando che sono stati rispettati distanziamento e il protocollo che prevede che si indossi la mascherina per i 10 giorni successivi al test negativo.

La guarigione dal Covid dopo soli cinque giorni di Paxlovid aveva sorpreso un pò tutti negli Stati Uniti. Gli avversari hanno spesso accusato il presidente di essere troppo anziano e non abbastanza in forma per svolgere un ruolo così impegnativo. Biden, che ha ricevuto quattro dosi di vaccino contro il virus, non ha mai avuto sintomi gravi ed ha continuato a lavorare. Nella conferenza stampa tenuta nel Giardino delle Rose subito dopo essere risultato negativo, aveva anche rivendicato che grazie alle politiche attuate dalla sua amministrazione oggi il Covid non è una malattia grave, ricordando invece che il suo predecessore Donald Trump era stato molto male. E proprio poche ore prima annunciare di essere di nuovo positivo aveva scritto su Twitter che «il Covid è ancora tra noi ma la nostra lotta contro il virus ha fatto la differenza. Oggi è possibile non ammalarsi gravemente e le morti sono diminuite del 90%».

Trump (con Melania) in ritardo al funerale dell'ex moglie Ivana: bara color oro e niente fiori

Ultimo aggiornamento: 18:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA