Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Prima l’FBI, poi la bomba social: Trump pubblica un video e rilancia, la sua candidatura 2024?

Martedì 9 Agosto 2022 di Luca Marfé
Prima l’FBI, poi la bomba social: Trump pubblica un video e rilancia, la sua candidatura 2024?

Mentre l’FBI gli fa irruzione in casa, Trump lancia un video che è un’autentica sfida.
Un’autentica candidatura alla Casa Bianca 2024.

La bomba scoppia sui social, dura quattro minuti.

Quattro minuti in cui l’ex presidente, oggi al centro di un nuovo scandalo per aver portato via dallo Studio Ovale dei documenti sensibili, traccia un quadro apocalittico degli Stati Uniti e torna ad agitare i cuori della sua metà di America.

«Una nazione in declino, in caduta libera», con tanto di colonna sonora drammatica.
“Naturalmente” (“naturalmente” dal suo punto di vista) accompagnata dalla immagini di un Joe Biden che appare anche fisicamente debole, in piena confusione.
Inflazione record, addirittura da quarant’anni a questa parte.

Borsa in picchiata, al suo peggiore primo semestre delle ultime cinque decadi.
Crisi energetica, tra prezzi alle stelle e indipendenza oramai persa.
E ancora, Afghanistan, Ucraina, Russia, Taiwan e Cina.
Con la solita immancabile stoccata alla stampa, quella puntualmente schierata contro di lui, quella, a suo dire, delle «Fake News!».

Tutto distrutto, dunque.
Tutto da ricostruire, grazie alla “grandezza” promessa già nel 2016 con lo slogan “Make America Great Again”.

Video

Un grido che torna a tuonare, nonostante la musica si faccia di colpo speranzosa, sulla linea di un orizzonte comunque cupo.
In un momento storico difficilissimo, in un Paese preda di trappole interne e internazionali che tengono con il fiato sospeso milioni e milioni di americani.

Con Trump che tuttavia ostenta sicurezza:
«Non c’è montagna che non possiamo scalare, il meglio deve ancora venire».

Ultimo aggiornamento: 10 Agosto, 09:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA