Adolescente uccide con un fucile tutta la sua famiglia perché la mamma lo aveva punito negandogli la Wi-Fi

Adolescente uccide con un fucile tutta la sua famiglia perché la mamma lo aveva punito negandogli la Wi-Fi
Adolescente uccide con un fucile tutta la sua famiglia perché la mamma lo aveva punito negandogli la Wi-Fi
di Marta Ferraro
Domenica 20 Febbraio 2022, 16:35
3 Minuti di Lettura

Gli abitanti di Elche, Alicante, Spagna, sono scioccati dopo il pluriomicidio commesso da un adolescente, che ha sterminato tutta la sua famiglia dopo che sua madre lo ha punito negandogli l'accesso a Internet.

La donna aveva deciso di punire il figlio di 15 anni Santiago interrompendo il segnale WiFi, dopodiché il ragazzo ha preso un fucile e ha ucciso lei, il fratello di 10 anni e il padre, come riportano i media locali.

Secondo quanto riferito alla Polizia dal presunto assassino, sua madre lo avrebbe punito privandolo della WiFi e gli avrebbe proibito di giocare ai videogiochi per non aver superato cinque materie e per essersi rifiutato di fare i compiti. «Mi ha detto che ero pigro e che mi avrebbe tolto la console. Sono salito in camera mia, ho iniziato a pensare e ho preso il fucile», ha spiegato. L'arma apparteneva a suo padre, che la usava per cacciare.

«Ho sparato a mia madre due volte mentre era in cucina. Un colpo alla schiena e l'ho uccisa», ha continuato. «Mio fratello ha cercato di scappare, ma l'ho raggiunto e gli ho sparato. Ho aspettato quattro o cinque ore l'arrivo di mio padre e quando è tornato gli ho sparato», ha spiegato.

Poi, Santiago ha portato i corpi senza vita nel capannone della casa - dove sono rimasti per tre giorni -, si è fatto una doccia, ha cenato e ha iniziato a giocare ai videogiochi. Ha, poi, deciso di non tornare scuola, raccontando ai compagni di aver contratto il covid-19.

Alla fine, ha confessato l'omicidio a una vicina e lei ha immediatamente avvertito le autorità. Sul posto si è recata la Polizia. Secondo le fonti delle indagini, dopo il parricidio, il ragazzo ha preso il cellulare dei suoi parenti e ha scritto diversi messaggi fingendosi loro per non destare sospetti tra i conoscenti. Allo stesso modo, fanno notare che in nessun momento ha mostrato pentimento, mantenendo un atteggiamento di assoluta freddezza. Ora è internato in un centro per minori in attesa della sentenza del tribunale per i minorenni di Alicante. 

Il Consiglio comunale di Elche ha decretato tre giorni di lutto in memoria delle vittime. «Sono eventi terribili e inspiegabili, l'intera città è costernata», ha dichiarato il sindaco Carlos González.

© RIPRODUZIONE RISERVATA