Argentina, uccisa dall'ex marito in quarantena: colpo di pistola in faccia davanti ai figli

Martedì 21 Aprile 2020

Uccisa con un colpo di fucile in faccia. Paola Pereyra, 36 anni, era in casa insieme ai suoi figli e al compagno nella città di Florencio Varela a Buenos Aires, Argentina, dove stava trascorendo la quarantena dovuta all'emergenza per il coronavirus. 

Ad ucciderla è stata l'ex marito, Ernesto González, 48enne padre dei suoi due figli, che era andato in casa per passare del tempo con i bambini. L'uomo però si è presentato con un fucile e ha fatto fuoco sul volto della donna proprio davanti ai ragazzi. Tra la donna e l'ex è nata una violenta lite degenerata poi con l'omicidio. L'ex le ha sparato e poi si è dato alla fuga.

Il compagno della donna ha chiamato i soccorsi, ma per Paola non c'è stato nulla da fare. La polizia si è messa sulle tracce dell'assassino che è stato rintracciato poco dopo a pochi chilometri dal luogo del delitto, mentre ancora non è stata trovata l'arma. Si tratta dell'ennesimo caso di femminicidio in Argentina, un Paese particolarmente colpito dal fenomeno, dove solo nell'ultima settimana sono stati registrati tre casi nell'area di Buenos Aires. 

Ultimo aggiornamento: 17:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA