Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, cento civili rifugiati nell'acciaieria Azovstal portati in salvo da Onu e Croce Rossa. Quanti ne restano. Che cosa sappiamo. La sorte degli ucraini deportati dai russi

Lunedì 2 Maggio 2022
Ucraina, cento civili rifugiati nell'acciaieria Azovstal portati in salvo da Onu e Croce Rossa. Quanti ne restano. Che cosa sappiamo. La sorte degli ucraini deportati dai russi

Un primo centinaio di civili è stato portato in salvo dall'acciaieria Azovstal di Mariupol nei cui sotterranei restano ancora dai 500 agli 800 sfollati da Mariupol. Pensavano di sfuggire ai bombardamenti che hanno distrutto la città sul Mare d'Azov, mai poi si sono trovati in trappola perché l'impianto è diventato obbiettivo primario delle truppe russe. 

La presenza di personale delle Nazioni Unite e della Croce Rossa, una volta che Mosca ha dato il via libera all'apertura del corridoio umanitario, ha tranquillizzato gli sfollati che temevano di essere deportati in Russia come è accaduto ad altri ucraini che abitavano in zone occupate dall'esercito di Putin. Quando potranno tornare in Ucraina non è dato sapere.

I civili usciti dall'acciaieria sono stato accompanati in bus a Zaporizhzhia, Mangush (a ovest di Mariupol), e in un villaggio vicino a Berdyansk, nel sud-est dell'Ucraina. 

 

Il racconto degli sfollati

 

«Non ci posso credere. Due mesi di buio». Natalia Usmanova sorride e si porta le mani sul volto. Lei è tra i circa 100 civili che ieri sono stati evacuati dall'acciaieria Azovstal di Mariupol e la sua testimonianza viene raccontata in un video della Bbc. «Non abbiamo più visto la luce del sole, avevamo paura», prosegue la donna, che ha parlato ai reporter nel villaggio di Benzimenne, nell'Ucraina orientale sotto il controllo russo. «Quando siamo saliti sul bus (per l'evacuazione) ho detto a mio marito: non dovremo più andare al bagno con una torcia elettrica?», racconta Natalia emozionata e incredula: «E non dover usare un sacchetto o un cestino come bagno e una torcia». «Siamo andati lì (alla Azovstal) per una nostra libera scelta, come i lavoratori della fabbrica, per salvarci», spiega ancora la donna, capelli raccolti, piumino giallo e due grandi borse nelle mani, mentre nel video scorrono le immagini dell'evacuazione del ministero della Difesa russo.

 

«Quando abbiamo capito che stavano arrivando sempre più vicino a noi e siamo diventati sempre più spaventati, abbiamo cercato di andarcene. Sapevamo dei corridoi umanitari e delle evacuazioni. Ma non siamo riusciti ad aggregarci », prosegue la donna. «E quando sono iniziati i bombardamenti ho pensato che il mio cuore si sarebbe fermato e non sarei sopravvissuta. I bombardamenti erano così forti e iniziavano a colpire vicino a noi», ricorda. «All'uscita del rifugio antiaereo, in cima ad una scala non si riusciva a respirare perché non c'era abbastanza ossigeno. Avevo paura anche di uscire e respirare un po' di aria fresca», conclude.


Alcuni sfollati portati in salvo hanno detto di temere che il rifugio sarebbe crollato sotto la ferocia dei bombardamenti russi. Nei video diffusi dalle autorità ucraine si notano  donne con bambini piccoli avvolti in abiti invernali costrette ad arrampicarsi su scale appoggiate su cumuli di maceri. Con loro anche gatti e cani.

Gli sfollati riceveranno anche sostegno psicologico, ha detto il portavoce dell'Onu, Saviano Abreu. In azione anche un'equipe di Medici senza frontiere che si trova in attesa a Zaporizhzhia e al villaggio di Bezimenne, a circa 30 chilometri a est di Mariupol, dove era stata allestita una fila di tende azzurre.

E gli altri sfolati ancora in trappola nell'acciaieria? Domenica notte, Denys Shlega, comandante della 12a Brigata operativa della Guardia nazionale ucraina, ha detto che ci sono ancora numerosi civili, 500 soldati. E anche cadaveri.

Militari hanno detto che «la presenza di bambini e civili rende più difficile combattere e ci sono molte persone ferite nell'impianto. Non c'è abbastanza acqua e si respira il tanfo dei corpi in decomposizione. I combattenti nello stabilimento continueranno a resistere fino a quando non riceveranno l'ordine di non farlo».

Del resto appena il centinaio di sfollati ha lasciato l'acciaieria sono ripresi i bombardamenti. 

«Il cannoneggiamento è tale che, anche dall'altra parte del fiume, le case tremano», ha scritto Petro Andryushenko, aiutante del sindaco di Mariupol in un post sui Telegram. Si ritiene che fino a 100.000 persone siano ancora fra le rovine della città nelle zone non ancora in mano ai russi.


 


 


 

Ultimo aggiornamento: 18:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA