Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, la first lady Olena Zelenska racconta: «Così è la mia vita sotto assedio»

Lunedì 11 Aprile 2022
Ucraina, la first lady Olena Zelenska racconta: «Così è la mia vita sotto assedio»

Olena Zelenska, first lady dell'Ucraina, ha raccontato a Vogue la sua vita sotto assedio e come il suo paese sta andando avanti. «Il tiranno che ci ha attaccato voleva dividerci, frantumarci, provocare uno scontro interno, ma è impossibile fare questo con gli ucraini. Quando uno di noi viene torturato, violentato o ucciso, sentiamo che tutti noi siamo stati, a nostra volta, torturati, violentati o uccisi. Non abbiamo bisogno della propaganda per dotarci di una coscienza civica, né per resistere»

Scrittrice, architetta e attivista, la 44enne ha deciso di rimanere accanto a suo marito, il presidente Vlodymyr Zelensky, continuando a sostenere il suo popolo. Sulla rivista lancia un messaggio al mondo: «La cosa più importante è non abituarsi alla guerra, non trasformarla in statistiche. Continuate a partecipare alle proteste, continuate a chiedere ai vostri governi di agire. Gli ucraini sono come voi, ma, poco più di un mese fa, le nostre vite sono cambiate radicalmente. Gli ucraini non volevano lasciare le loro case. Ma in molti casi non ne hanno più una. Si sono spostati a lungo senza visto in Europa, molti potevano viaggiare e lo hanno fatto. La maggior parte della nostra gente è stata all'estero, in precedenza. Ma non avevano intenzione di diventare rifugiati. Quindi trattateli come se fossero vostri connazionali. Queste madri e questi bambini sognano soprattutto di tornare a casa, di riunire le loro famiglie. Quindi aiutateli ad ambientarsi, per favore – casa, lavoro, scuola per i bambini – finché non potranno fare ritorno in patria».

Il cuore grande di Olena, da quando è scoppiata la guerra non si è mai fermata: aiuti e accoglienza

A proposito dei figli suoi e del presidente Zelensky - Aleksandra (17 anni) e Kiril (9) – la first lady dice che «non c'è bisogno di spiegare nulla ai bambini. Capiscono tutto. Certo, non dovrebbero mai vedere niente del genere, ma sono molto onesti e sinceri. È impossibile nascondere loro qualcosa. La migliore strategia è dire la verità. Così, ho discusso con entrambi i miei figli di quello che stava accadendo, ho cercato di rispondere alle loro domande. Noi parliamo molto, perché dire anche ciò che può far male, senza tenersi dentro nulla, è un approccio psicologico di comprovata efficacia. Funziona». A chi le domanda come sia la sua vita oggi, Olena Zelenska risponde: “Sto vivendo come gli altri ucraini. Abbiamo tutti un grande desiderio: la pace. E io, come ogni madre e moglie, mi preoccupo costantemente di mio marito e faccio di tutto per tenere al sicuro i miei figli”.

Ultimo aggiornamento: 20:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA