Ucraina, la Russia perde un altro generale in battaglia: morto il colonnello Sukharev. Cosa sta succedendo e perché stanno morendo

Ucraina, la Russia perde un altro generale in battaglia: morto il colonnello Sukharev. Cosa sta succedendo e perché stanno morendo
Ucraina, la Russia perde un altro generale in battaglia: morto il colonnello Sukharev. Cosa sta succedendo e perché stanno morendo
Venerdì 18 Marzo 2022, 11:31 - Ultimo agg. 14:53
3 Minuti di Lettura

La Russia continua a registrare enormi perdite nella guerra in Ucraina. Tra i 7mila soldati caduti, anche diverse alte cariche dell'esercito. L'ultimo pezzo grosso di Putin a lasciare la vita sul campo di battaglia è il colonnello Sergei Sukharev, del 331° reggimento d'assalto paracadutisti delle guardie di Kostroma. La sua morte è stata confermata dalla tv di Mosca. Insieme a lui, ucciso anche il suo vice maggiore Sergei Krylov.

La morte di Sukharev è stata annunciata e festeggiata anche dall'esercito ucraino: «Si era perso, ma è tornato a casa nel modo giusto», hanno scritto. Il colonnello era stato intervistato da una tv russa lo scorso gennaio, dopo aver guidato le truppe russe in Kazakistan con la missione di proteggere una centrale elettrica ad Almaty. 

Putin e la paranoia del veleno: ora ha un team di assaggiatori personali (e ha licenziato mille collaboratori)

Ucraina, soldati inesperti e defezioni, lo stallo delle truppe russe. «Già settemila perdite»

Perché i generali russi stanno morendo?

Secondo gli esperti di guerra occidentali, l'andamento negativo della guerra costringe i generali ad esporsi e mettersi quindi sotto tiro degli ucraini. «Poiché le cose stanno andando male, i generali russi devono avvicinarsi al fronte per guidare le loro truppe nelle operazioni. Devono fornire una supervisione più ravvicinata, andare avanti e diventare vulnerabili all'azione nemica», dice una fonte a Business Insider. Un altro motivo che costringe i generali ad avvicinarsi al fronte sarebbe il morale molto basso delle truppe russe, sottolineato anche dal Pentagono. Andando in prima persona in battaglia puntano a motivare i soldati, ma si espongono agli attacchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA